Caterina Balivo e ‘Vieni da me’ accusati di plagio: la Rai potrebbe finire nei guai

Vieni da me, Caterina Balivo

Se i diritti non vengono pagati si rischierebbe di trovarsi di fronte all’accusa di plagio e con una azione legale in arrivo

Dopo le prime difficoltà con gli ascolti, Caterina Balivo con il suo Vieni da me sembra aver trovato l’equilibrio in una fascia oraria un po’ ostica. Ma le polemiche non sono terminate qui, infatti nelle ultime ore sono emerse delle nuove notizie che riguardano la conduttrice campana e lo show di Rai Uno.

La nuova formula adottata da Vieni da me è molto simile ad un format americano e l’introduzione di una nuova rubrica ha fatto gridare al plagio. Infatti sembra molto simile allo show di Ellen De Geners. A lanciare questa clamorosa ipotesi ci ha pensato il Fatto Quotidiano che, attraverso un articolo, si è domandato se la Rai paga i diritti d’autore o no.

Caterina Balivo e il suo ‘Vieni da me’ rischiano la denuncia

A quanto pare il programma americano e quello di Caterina Balivo sembrano identici in vari aspetti. Uno su tutti lo spazio chiamato ‘il tè delle principesse’. Nello specifico due gemelline possono fare il giro del mondo ponendo degli interrogativi a personaggi dello spettacolo.

Il primo ad essere intervistato è stato il cantautore salentino Al Bano Carrisi. Secondo il quotidiano, Vieni da me è identico allo show trasmesso all’Ellen DeGeneres Show con le gemelle Sophia Grace e Rosie che nella versione originale hanno intervistato vere e proprie star come Taylor Swift a Justin Bieber.

Vieni da me ha plagiato uno show americano?

Quindi sembra che Vieni da me abbia plagiato dello show statunitense e così il giornalista de Il Fatto Quotidiano ha deciso di approfondire la vicenda. Quest’ultimo ha deciso di rivolgersi ai vertici della Rai.

Il motivo? Per sapere se il programma condotto da Caterina Balivo paga solo i diritti a Magnolia oppure anche a Very Good Production. Se non fosse così, il programma di Caterina Balivo rischierebbe di trovarsi di fronte all’accusa di plagio e con una azione legale in arrivo.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!