Chiara Ferragni, esposto del Codacons, Fedez: ‘Sono inc****to nero’

La vicenda della collaborazione di Chiara Ferragni ed Evian è finita addirittura in Parlamento e il Codacons presenta un esposto. Non è mancata la reazione di Fedez. Ecco che cosa è successo.

Chiara Ferragni: l’acqua con il suo logo costa 8 euro

È molto recente la collaborazione tra Chiara Ferragni e Evian dalla quale è nato uno stock di bottigliette d’acqua da 75 cl con un costo di 8 euro ciascuna. Com’era prevedibile, soprattutto sul web, è scattata la polemica. Nonostante non sia la prima volta che Evian avvia questo tipo di collaborazione, nonostante l’ironia della stessa Chiara Ferragni e di Fedez, la vicenda è approdata anche in Parlamento.

Chiara Ferragni, esposto del Codacons: la reazione di Fedez

Carlo Rienzi, presidente dell’associazione consumatori, ha, infatti, dichiarato:

Far salire il prezzo di un bene essenziale come l’acqua a 8 euro a bottiglietta apre la strada a pericolosi andamenti dei listini, una pratica a nostro avviso scorretta.

Fedez, da poco marito di Chiara Ferragni, è intervenuto immediatamente in sua difesa e si è detto “inc****to nero“, poi su Instagram ha aggiunto:

Un’istituzione come il Codacons che adesso s’indigna per un bene primario che costa 8 euro, quando da anni ci sono acque che costano 8 euro, dov’era fino adesso? Perché si scandalizza solo ora? Semplicemente perché la notizia è diventata virale e vuole cavalcare facili consensi.

Il rapper si è filmato mentre svolgeva una ricerca sul costo di alcune acque minerali e ne ha trovate anche fino a 300 euro. In risposta il Presidente del Codacons ha ringraziato Fedez per la segnalazione impegnandosi a prendere provvedimenti in merito, ma è rimasto fermo sulle proprie idee per quanto riguarda l’acqua con il logo di Chiara Ferragni:

L’acqua a 8 euro è immorale, non è concepibile. Punto e basta.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!