Meningite a Firenze: turista 18enne ricoverata al Santa Maria Nuova

Meningite: un nuovo caso di questa malattia infettiva è stato registrato nelle scorse ore a Firenze. Stando a quanto si apprende, una turista spagnola di 18 anni dalla serata di venerdì è ricoverata all’ospedale Santa Maria Nuova. La ragazza arrivata con i genitori in Italia, è partita da Madrid. La giovane è stata in vacanza con la famiglia a Venezia, quindi sempre con i genitori si è spostata a Firenze nella giornata di venerdì.

La diagnosi di meningite

Nella serata di venerdì pomeriggio la ragazza ha cominciato a sentirsi poco bene, così il padre e la madre decidono di accompagnarla al pronto soccorso a causa della febbre. Una volta visitata, i medici, senza alcuna esitazione, le diagnosticano la meningite. Non è ancora chiaro da quale tipo di menginococco la ragazza sia stata infettata.

In questo senso se ne saprà qualcosa di più soltanto a partire da lunedì. L’ufficio igiene della usl di Firenze è in contatto con i colleghi di Venezia. Inoltre sono state avviate le procedure per ricostruire i posti frequentati dalla ragazza e dalla famiglia in questi ultimi giorni. Al momento soltanto la mamma e il papà della ragazza sono stati sottoposti alla profilassi precauzionale. In ogni caso stando a quanto si apprende, la ragazza si trova in condizioni stabili e sta rispondendo bene alla terapie che le vengono somministrate.

Meningite: malattia infettiva  pericolosa

La meningite è una patologia infettiva che causa l’infiammazione delle meningi del cervello. Può derivare sia da virus che da batteri, come da altri microrganismi. Per quanto riguarda la meningite da infezione batterica la più grave è quella causata dal meningococco di sierogrupo C.

La meningite negli adulti si manifesta con si seguenti sintomi: mal di testa, vomito, dolori muscolari, rigidità nucale. Se non opportunamente trattata con una adeguata terapia antibiotica può portare anche alla morte o a menomazioni permanenti, ad esempio epilessia o sordità.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!