La camicia si impiglia nella scala mobile: 48enne muore strangolato

Metropolitana

Nella scala mobile della metropolitana di New York un uomo di 48 anni è morto strangolato dalla sua stessa camicia. Carlos Alvarez, questo il nome della vittima, prendeva spesso la metropolitana newyorkese in quanto era un lavoratore pendolare.

Muore strangolato sulla scala mobile della metropolitana

Quanto accaduto risale a sabato 13 ottobbre. L‘incidente, ripreso dalle telecamere, che si è rivelato fatale per l’uomo, si è verificato intorno alle 3 di notte alla fermata di Longwood, nel Bronx. Gli altri utenti del trasporto pubblico si sono trovati dinanzi a una scena del tutto surreale: l’uomo privo di sensi è stato trascinato per il collo in cima alla scala dalla camicia rimasta impigliata negli ingranaggi delle scale mobili. Il lembo di camicia che gli si è stretto al collo, ha finito per strangolarlo. Quanto accaduto è stato ripreso dalle telecamere della stazione, ma il video non è stato girato ai media per l’estrema crudezza delle immagini.

La corsa disperata in ospedale

La tragedia si è consumata nel giro di pochi secondi. Dopo che con le forbici gli è stata tagliata la stoffa della camicia che gli si era arrotolata al collo in un involontario cappio, è stato caricato sull’ambulanza. Purtroppo quando è giunto all’ospedale Lincoln, i medici non hanno potuto fare altro che constatarne il decesso.

Intanto l’Mta, la società del trasporto pubblico a New York, così ha commentato quanto accaduto:

“E’ stato un tragico e inusuale incidente su cui è in corso in un’indagine. I nostri pensieri vanno alla famiglia e gli amici della vittima“

Stati Uniti: un altro incidente fatale in metropolitana

In effetti non è la prima volta che accade qualcosa del genere in una metropolitana degli Stati Uniti. Poche settimane fa un anziano sulla sedia a rotelle, per non aspettare ulteriormente l’ascensore che tardava, ha utiizzato la scala mobile, ma una volta in cima è caduto all’indietro: non c’è stato nulla da fare, l’uomo è deceduto sul colpo.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!