Sara Affi Fella: Nicola Panico rivela altri dettagli sull’ex fidanzata

Sono emersi nuovi dettagli sulla storia di Sara Affi Fella e del suo inganno alla redazione di Uomini e Donne. Il suo ex fidanzato, Nicola Panico, ha parlato attraverso il settimanale Chi.

Uomini e Donne, Sara Affi Fella ancora al centro delle polemiche

Sara Affi Fella fa ancora parlare di sé nonostante sia sparita dalle scene già da un bel po’. La ragazza è finita in una bufera mediatica e social per aver intrapreso il percorso da tronista a Uomini e Donne mantenendo la sua relazione con Nicola Panico, promettendogli che tutto era fatto da copione solo per i soldi e che i due potevano sposarsi presto. Il tutto è venuto a galla grazie proprio a Nicola il quale, sentendosi preso in giro, ha raccontato la sua verità.

Nicola Panico a Chi: ‘Era una ragazza per bene’

In una lunga intervista sul settimanale Chi, Nicola Panico ha parlato ancora una volta della sua ex fidanzata:

Era una ragazza semplice, educata, rispettosa, piena di valori. Poi la fama se l’è mangiata.

Nicola ha rivelato che dopo aver fatto il video di presentazione per fare la tronista, Sara Affi Fella l’ha chiamato e gli ha chiesto come poterne uscire insieme, confermando la sua intenzione di sposarlo. La coppia aveva anche scelto Chiesa e location. Poi però Nicola ha scoperto che Sara lo tradiva con un altro calciatore.

Sara Affi Fella e Vittorio Parigini, la verità di Nicola Panico

Il calciatore del Torino, Vittorio Parigini, entra nella vita di Sara ad agosto. Secondo Nicola:

Lei continuava a raccontarmi delle bugie, ma io ho scoperto tutto tramite una persona. Nonostante questo lei mi ha detto che Parigini stava con una sua amica. In ogni caso io ho chiamato Parigini e gli ho raccontato tutto.

Pare che anche Vittorio Parigini sia stato ingannato da Sara Affi Fella. Oggi la ragazza non parla con nessuno se non attraverso i suoi legali, ha cambiato numero e quelli che l’hanno vista hanno parlato di una ragazza dimagrita e sciupata, ma anche molto presuntuosa e indisponente.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!