Andrea Mainardi: ‘Ho subito un trapianto agli occhi’, il commovente racconto al Grande Fratello Vip

Andrea Mainardi, concorrente del Grande Fratello Vip, ha raccontato di aver subito un trapianto agli occhi e di esserne stato traumatizzato per anni.

Grande Fratello Vip, il commovente racconto di Andrea Mainardi

Parlando con Walter Nudo, Andrea Mainardi ha deciso di raccontare un periodo molto delicato della sua vita. Dieci anni fa, il famoso cuoco ha subito un trapianto di cornea. Andrea ha raccontato che una sera, tornando dal lavoro, si è accorto di non vedere bene da un occhio.

Dando la colpa alla stanchezza, tuttavia, non ha dato molto peso alla cosa. Il giorno dopo, invece, il problema si è fatto più grave. Andrea Mainardi ha fermato la macchina ed ha chiamato l’ambulanza:

Si sono spaventati anche loro, perché non hanno capito subito che cosa avevo. Si pensava ad un fatto neurologico. Se ci penso mi viene da piangere ancora adesso, pensavo di avere qualcosa di molto grave.

In poco tempo, tuttavia, si è scoperto che il problema era negli occhi e si trattava di una malattia chiamata cheratocono, ovvero un decorso degenerativo della cornea.

Andrea Mainardi: ‘Sono rimasto traumatizzato per anni’

Walter Nudo si è molto preoccupato e ha fatto diverse domande. Andrea Mainardi ha assicurato che l’intervento è andato bene, non ha sentito nessun dolore e ha dedicato del tempo al delicato argomento della donazione degli organi:

Io vedo grazie ad un’altra persona. Ci ho pensato tanto. Io donerò i miei organi, perché devo aiutare chi ne ha bisogno, io ne ho avuto bisogno. Si danno troppo per scontato certe cose.

Lo chef ha raccontato poi un retroscena in modo molto ironico. L’intervento non gli ha procurato nessun dolore, ma per lui a livello psicologico non è stato facile. Quando il medico gli ha dato i punti sull’occhio per lui è stato un trauma:

Adesso rido e lo racconto, ma fino a tre anni fa io facevo gli incubi. Mi sognavo il dottore che voleva piantarmi le forbici negli occhi e io scappavo terrorizzato. Psicologicamente sono rimasto un po’ scosso.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!