Valentina Nappi senza freni: ecco quanto guadagna al mese la pornostar che ha umiliato Salvini

Valentina Nappi

L’attrice porno si confessa nel programma di Peter Gomez

Alcune ore fa Valentina Nappi, la popolare pornostar italiana famosa in tutto il mondo ha rilasciato un’intervista televisiva. Nel dettaglio l’attrice è stata ospite a ‘La Confessione’, la trasmissione di canale Nove condotta da Peter Gomez. La ragazza è anche famosa per aver fatto delle gravi affermazioni, ma anche delle provocazioni all’attuale vicepremier e leader della Lega Nord Matteo Salvini.

Valentina Nappi svela il stipendio mensile

In una lunga intervista, Valentina Nappi ha svelato quanto percepisce mensilmente dopo aver realizzato centinaia di pellicole prono.

“Ho fatto 432 film. Ma non sono stanca. La prima scena fu con Rocco Siffredi, e fu fantastico”,

ha raccontato la donna. Quest’ultima, inoltre, ha spiegato nel dettaglio le sue entrate finanziarie.

“In media tremila euro lordi al mese, non è molto”,

ha rivelato la pornostar che tempo fa ha umiliato pubblicamente il compagno di Elisa Isoardi. Poi interrogata da Peter Gomez sulla sua vita sentimentale, Valentina ha dichiarato di essere fidanzata da ben nove anni con la stessa persona.

“Siamo in una coppia aperta, il matrimonio come istituzione è una cagata”,
ha commentato la 27enne.

Valentina Nappi parla del movimento ‘#metoo’

Nel corso dell’intervista rilasciata a ‘La Confessione’, Valentina Nappi ha menzionato anche il movimento ‘#metoo’, contro la supremazia del sesso maschile e le violenze sul luogo di lavoro. L’attrice porno ha ribadito che quel movimento si sta auto-distruggendo ed è stata un occasione isterica per non parlare del nulla.

“Succede anche che siano le donne a sfruttare la loro posizione dominante per fare carriera, e ci sono abusi sul lavoro ben più gravi di una mano sul culo”,

ha concluso la ragazza.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!
Calogero Latino: Non c’è niente di speciale nella scrittura. Devi solo sederti davanti alla macchina da scrivere e metterti a sanguinare. (Ernest Hemingway)