Iva Zanicchi racconta il suo dramma: ‘Forza Italia mi ha ucciso perché…’

Berlusconi
Iva Zanicchi la telefonata di Berlusconi

La popolare cantante e giudice di ‘Tu si que vales’ si confessa ad una trasmissione radiofonica

Prima dell’ospitata di ieri a ‘Domenica Live’ di Barbara D’Urso, Iva Zanicchi ha rilasciato una lunga intervista ad un programma radiofonico della Rai. Nel dettaglio qualche giorno fa l’Aquila di Ligonchio ha parlato ai microfoni di ‘Un giorno da pecora’ in onda su Rai Radio1. Andiamo a vedere cosa ha dichiarato la nuova giudice di ‘Tu si que vales’.

Iva Zanicchi parla dell’attuale governo 

Intervistata da Geppi Cucciari e Giorgio Lauro, Iva Zanicchi ha fatto le seguenti dichiarazioni:

“Matteo Salvini? Quando eravamo all’Europarlamento non ho mai visto una persona più attiva di lui, ha capacità straordinarie. Il suo successo non mi stupisce affatto, aveva una marcia in più, lo si capiva già allora. Ho un’ammirazione per quest’uomo”.

Poi i due conduttori hanno chiesto alla loro ospite cosa ne pensa del tema del momento, ovvero della cosiddetta manina di cui ha tanto parlato il vicepremier del M5S Luigi Di Maio.

“Quando l’ho sentito ieri sera a Porta a Porta ero a tavola con mio marito. Beh, sono quasi svenuta, sono scivolata sotto al tavolo. Comunque lui è un bravo ragazzo, vorrei avere un nipote così, lasciamolo stare”,

ha dichiarato la popolare cantante.

Iva Zanicchi e il suo dramma dopo la sua esperienza in politica

Poi quest’ultima, alla domanda se le piace l’attuale governo gialloverde, ha risposto che non ha votato per loro e forse se ne è pentita. Il motivo? Perché a differenza degli altri esecutivi stanno facendo qualcosa di concreto. Nel corso della lunga chiacchierata, Iva Zanicchi ha parlato anche della sua esperienza al Parlamento europeo come esponente di Forza Italia.

“In Italia una cantante non può fare politica, mi hanno ucciso, mi hanno ammazzato. Non avete idea della fatica che ho fatto per reinserirmi nel mondo dello spettacolo”,

ha concluso la giurata di ‘Tu si que vales’.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!