Giuliano Moraca trionfa col premio Tre Spicchi Gambero Rosso

pizza
Secondo una nutrizionista la pizza fa male alla salute

Il premio dei Tre Spicchi Gambero Rosso

Giuliano Moraca di recente ha ricevuto il massimo riconoscimento da parte della Guida delle Pizzerie d’Italia 2019, i Tre Spicchi. Ha ottenuto con impegno e devozione questo considerevole premio, ma non ha intenzione di fermarsi. Il suo scopo è apprendere l’arte della pizza a 360 gradi. Sono numerosi i turisti che vengono in Italia per gustare i piatti della nostra tavola e tra questi c’è la pizza.

Nonostante sia Napoli la città indiscussa della pizza, è possibile gustarne una altrettanto buona anche presso il Kambusa. Locale toscano apprezzato sia per l’atmosfera accogliente che per il menù, si è aggiudicato una notevole posizione nella classifica dei 20 ristoranti migliori in Italia.

Amore e dedizione: gli ingredienti del successo

La passione di Giuliano Moraca per questo mestiere si è evoluta nel corso del tempo. Fin da piccolo guardava con ammirazione il modo in cui lavoravano pizzaioli, così decise di seguire le loro orme. Si è perfezionato seguendo corsi di specializzazione e lavorando presso diverse strutture.

Riesce sempre a soddisfare le papille gustative della vasta clientela scegliendo prodotti genuini e originali. Infatti utilizza diversi tipi di farina (come quella tipo 1 biologica e tipo 2) e diversi tipi di impasto, anche per soddisfare i clienti che amano il multicereale. Il suo amore per l’arte della pizza è tale da volerlo trasmettere alle future generazioni soprattutto attraverso queste nuove tipologie di impasti che ormai vanno di gran moda. Per questo motivo Giuliano ha in mente dei progetti da realizzare nel campo sociale.

Un progetto per il sociale

Giuliano Moraca ha vinto il premio Tre Spicchi Gambero Rosso. Come altri, ha voluto mettere la sua arte al servizio del prossimo.  Vuole creare un laboratorio sociale, in cui i bambini possono cimentarsi nelle pratiche di preparazione della pizza. Possono dare sfogo alla creatività loro e amare questa prelibatezza.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!