Iva Zanicchi smaschera Mina: ‘Lei ne ha avuti tanti, ci ha dato tanto…’

Mina e Zanicchi

La popolare cantante e giudice di ‘Tu si que vales’ si confessa a ‘CR4-La Repubblica delle donne’

Mercoledì scorso in prima serata su Rete 4 ha debuttato il nuovo programma di Piero Chiambretti, ovvero ‘CR4-La Repubblica delle donne’. Tra i vari ospiti della puntata c’era anche Iva Zanicchi, soprannominata l’Aquila di Ligonchio.

Nel corso del suo intervento, la popolare cantante e attuale giudice popolare a ‘Tu si que vales’, ha svelato alcuni retroscena della sua adolescenza, ma anche fatto una confessione sulla ‘rivale’ Mina. Ma andiamo a vedere nel dettaglio cosa ha detto.

Iva Zanicchi parla di quando ha perso la verginità, di tradimenti e la stoccata a Mina

Oltre a promuoversi il suo spettacolo teatrale ‘Una vita da Zingara’, Iva Zanicchi nella trasmissione dedicata all’universo femminile si lasciata andare a delle confessioni inaspettate e molto particolari. Dopo aver ricevuto un caloroso applauso dal pubblico presente in studio, la donna ha rivelato questo:

“Sono arrivata a 26 anni vergine perché mia mamma ci metteva paura”.

Non soddisfatta, Iva ha raccontato che nel corso della sua vita ha pure tradito. E quando il conduttore Piero Chiambretti ha parlato di tradimento menzionando Mina, a replica della Zanicchi è arrivata immediatamente.

“Io ho una grandissima stima di Mina, ma lei ne ha avuti tanti, ‘ci ha ‘dato tanto…”.

Parole abbastanza forti che potrebbero provocare nuovi attriti con la Tigre di Cremona che ormai da anni si rifugiata a Lugano.

Iva Zanicchi: l’appello di Piero Chiambretti a Claudio Baglioni

Nel corso della serata a ‘CR4-La Repubblica delle donne’, Piero Chiambretti ha approfittato della presenza di Iva Zanicchi per fare un appello a Claudio Baglioni, presentatore e direttore artistico del Festival di Sanremo 2019.

“Quest’anno il brano ‘Zingara’ compie 50 anni e io vorrei fare un appello al direttore del Festival di Sanremo perché questa donna venga omaggiata”.

Il cantautore romano prenderà in considerazione questa proposta?

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!