Tu Sì Que Vales, Marco Baruffaldi commuove i giudici con la sua storia: ‘Bullizzato dal maestro di sostegno’

A Tu Sì Que Vales nella puntata del 3 novembre si è presentato Marco Baruffaldi, un ragazzo di 22 anni, che ha lasciato tutti senza parole.

Tu Sì Que Vales, arriva Marco Baruffaldi

Nella sesta puntata di Tu Sì Que Vales il giovane Marco Baruffaldi si è presentato davanti ai quattro giudici: Rudy Zerbi, Maria De Filippi, Teo Mammucari, Gerry Scotti:

Sono Marco Baruffaldi, ho 22 anni e come vedete ho la sindrome di down, ma sono fiero di come sono. Era da tanto che volevo vedervi.

Marco si è presentato nel programma per cantare una canzone scritta da lui, con l’aiuto del papà, ma “solo nella metrica“, dal titolo “Siamo diversi da noi” per raccontare la disabilità e il bullismo:

Con questa canzone voglio dire a tutti che ci sono anch’io e che servo anch’io.

Marco Baruffaldi a Tu Sì Que Vales: ‘Bullizzato dal maestro di sostegno’

Marco, alla fine del brano, ha voluto avvicinarsi ai giudici, visibilmente commossi, e sedersi vicino a Maria De Filippi, la quale gli ha fatto i complimenti e gli ha detto che ha usato parole molto forti e pieni di significato. Il ragazzo poi ha chiesto se poteva fare ascoltare una poesia, che si era allenato tanto a leggere, per la sua mamma che ora non c’è più. Alla fine della struggente lettera per colei che Marco considera il suo angelo custode, è entrato in studio il papà. L’uomo ha lasciato tutti senza parole perché ha parlato dell’infanzia difficile di Marco:

Non ha attraversato un periodo facile e vi ringrazio per averci dato questa opportunità. Noi andiamo nelle scuole per parlare di quello che è stato fatto a Marco. Lui è stato bullizzato pesantemente, gli facevano la pipì addosso ed è stato bullizzato dal suo maestro di sostegno.

A quel punto tra i giudici è sorta una certa rabbia e alle domande se l’uomo avesse denunciato il colpevole, la risposta è stata questa:

Io sono un vigile del fuoco da 30 anni, non posso fare del male alle persone. Non ho fatto niente e non ho denunciato per il periodo difficile che stava attraversando Marco. L’uomo è stato allontanato, spero che abbia quello che si merita.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!