Celiachia: vaccino in fase di sperimentazione per chi soffre di questa intolleranza

Celiachia: un vaccino in fase di sperimentazione potrebbe permettere alle persone che soffrono di questa intolleranza al glutine di mangiare cibi che lo contengono, senza esporsi ad alcuna conseguenza per la salute.

Vaccino per celiaci: come agisce

Il vaccino denominato ‘Nexvax2’, è il frutto di uno studio congiunto condotto dai ricercatori di Stati Uniti, Nuova Zelanda e Australia. La sperimentazione del vaccino è giunta alla seconda fase. L’obiettivo da raggiungere è fare in modo che il sistema immunitario dei pazienti celiaci possa riprogrammare la risposta al glutine, una frazione proteica contenuta nel grano. A guidare lo studio vi è il gastroenterologo, Dr Jason Tye-Din, del WEHI e del Royal Melbourne Hospital, che spiega:

“Se puoi somministrare il vaccino in iniezioni successive, puoi riqualificare il sistema immunitario, così da imparare a sviluppare una tolleranza al glutine“.

Se quindi questo vaccino contro la celiachia dovesse dare i risultati sperati, le persone celiache potrebbero assumere alimenti contenenti il glutine senza avere alcuna intolleranza. Pertanto potrebbero interrompere la dieta a base di cibi gluten free (liberi dal glutine) che è l’unico modo attualmente disponibile per contrastare questa patologia.

Celiachia: cos’è

La celiachia è una patologia infiammatoria cronica dell’intestino tenue. Deriva, per i soggetti predisposti,  dall’ingestione del glutine contenuto negli alimenti. Il glutine in effetti si trova in molti alimenti che fanno parte della dieta mediterranea, quali orzo, segale e frumento. Nei celiaci l’assunzione di cibi che contengono il glutine comporta l’infiammazione dell’intestino. Il mancato assorbimento dei nutrienti può portare a uno stato di malnutrizione, che espone l’organismo a varie patologie.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!