Carlo Conti torna all’Eredità e si commuove in diretta: il triste motivo

Carlo Conti

Carlo Conti è uno dei volti più amati in Rai. Il suo nome è uno dei più quotati e invidiati per Mediaset che punta a volerlo nella sua squadra. Ma lui è tornato all’Eredità…

Negli studi del programma serale di Rai Uno “L’Eredità” condotto da Flavio Insinna, è ritornato solo per una puntata Carlo Conti. Quando il presentatore ha fatto il suo ingresso nello studio è stato accolto da un caloroso applauso.

L’Eredità, il gesto di Carlo Conti

Non poteva mancare Carlo Conti a questo appuntamento. La puntata mandata in onda domenica 4 novembre è stata una puntata ricca di emozioni: la Rai, come ogni anno, organizza una puntata speciale per l’iniziativa di raccolta fondi a favore dell’Associazione AIRC per la ricerca e la lotta contro i tumori in cui si schierano i migliori campioni delle scorse edizoni del programma.

In studio è entrata anche Conti che non ha perso l’occasione di scherzare sulle vallette. Tuttavia, il clima di gioia ha lasciato ben presto ad un momento davvero emozionante per il pubblico in studio e quello a casa: Carlo non ha potuto fare a meno di ricordare il suo grande amico Fabrizio Frizzi e ha affermato:

“Ancora di più quest’anno sia io che Flavio abbiamo bisogno del vostro contributo, proprio perché questi studi sono intitolati a Fabrizio Frizzi e qui ho detto tutto, senza dire altre parole”.

 

Il campione i soldi raccolti

Quando Andrea Saccone ha risolto l’enigma del gioco “Di cosa stiamo parlando?” Carlo Conti ha voluto ricordare un momento bellissimo che ha visto protagonista Andrea Saccone, il quale ha vinto ben 14 puntate del programma,e Fabrizio Frizzi.

In particolare, il conduttore di “Tale quale show” ha voluto ricordare l’abbraccio tra Adrea e il collega Frizzi:

“Andrea ha avuto un abbraccio speciale quando si è congedato da campione. Sono sicuro che quell’abbraccio lo terrai forte dentro di te per tanti tanti anni“.

Un commovente ricordo che ha lasciato tutti con le lacrime agli occhi.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!