Tu si que vales, imbarazzo in studio: si abbassano i pantaloni e rimane in mutande, interviene Gerry Scotti (Video)

Tu si que vales

Un concorrente rischia di perdere i pantaloni durante l’esibizione

Ieri sera a Tu si que vales è andato in onda un simpaticissimo siparietto che ha visti come protagonisti Belen Rodriguez Gerry Scotti e un simpatico concorrente. Quest’ultimo, infatti, ha rischiato di perdere i pantaloni durante la sua esibizione. Il tutto è accaduto dopo aver danzato in modo sensuale con la conduttrice argentina.

Nel dettaglio, il 79enne Giancinto aveva il desiderio di fare un ballo con Belen, richiesta immediatamente accettata da parte della showgirl. Purtroppo qualcosa è andato storto, infatti i pantaloni si sono abbassati un po’ facendo vedere a tutto il pubblico le mutante dell’anziano signore.

Tu si que vales Gerry Scotti dona la sua cintura a Giacinto

A quel punto è dovuto intervenire Gerry Scotti, storico giurato di Tu si que vales. Quest’ultimo, infatti, si è alzato dalla sua postazione ed è corso ad aiutare il concorrente in difficoltà. In che modo? Zio Gerry si è tolto la propria cintura e l’ha donata al 79enne. Un gesto che ha suscitato il plauso degli spettatori e i giudici hanno apprezzato l’esibizione di Giacinto. (Continua dopo il video)

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Quando balli con #belenrodriguez e rischi di perdere i pantaloni… 🤭🤭🤭🤭🤭🤭🤭🤭 #tusiquevales #gerryscotti

Un post condiviso da Gossipetv (@gossipetv) in data:

Il grande successo di pubblico di Tu si que vales

Ma Belen non è stata protagonista in questa performance, infatti l’argentina insieme al collega conterraneo Martin Castrogiovanni si è emozionata tantissimo per la storia di Chicca. I genitori di quest’ultima, morta a causa di un tumore raro a soli 13 anni, si sono recati nello studio di Tu si que vales per raccontare il percorso fatto dalla figlia e dalla onlus creata dopo la sua scomparsa. Lo show del sabato sera di Canale 5 piace al pubblico per questi motivi: in tre ore si vedono talenti, si diverte molto ma anche ci si emoziona.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!