Napoli, intervento record al Monaldi: donna salvata con la chirurgia addominale robotica

trapianto tumore seno

I chirurghi dell’ospedale Monaldi di Napoli, avvalendosi di robot, hanno riparato la parete addominale di una paziente anziana di 80 anni. La donna, stando a quanto si apprende, soffriva spesso di pericolose crisi occlusive recidivanti.

Napoli, ospedale Monaldi: l’intervento

La notizia è stata riportata da Il Mattino. Stando a quanto si apprende, l’anziana è stata operata mercoledì scorso. Appena 48 ore dopo è stata dimessa, senza alcun dolore post-operatorio. In effetti l’intervento ha consentito di trarre vantaggio dagli effetti della chirurgia mininvasiva in laparascopia con quelli della chirurgia di routine (open). I chirurghi hanno ricostruito la parete addominale della paziente ottantenne collocando una protesi tra i muscoli dell’addome.

In tal modo tramite questa sofisticata strumentazione hi-tech è stato possibile evitare il contatto con le viscere e le conseguenze che ne sarebbero potute derivare, ad esempio dolorose aderenze. Tale risultato non sarebbe stato raggiungibile con la sola laparoscopia. Tecnicamente i chirurghi hanno effettuato un intervento robotico per laparocele con la tecnica di Rives, che ha permesso di evitare gli effetti collaterali della chirurgia open, quali perdite ematiche ed il rischio di infezioni.

Intervento all’avanguardia al Monaldi: chi è il dottore che l’ha effettuato

L’intervento è stato effettuato dal dottore Diego Cuccurullo, dell’equipe operatoria della chirurgia generale dell’ospedale Monaldi diretta dal professore Franco Corcione.

Recentemente il chirurgo napoletano Diego Cuccurullo è stato eletto presidente della Italian Society of Hernia and Abdominal Wall Surgery (ISHAWS), società scientifica che rappresenta il capitolo Italiano della European Hernia Society. La società comprende i maggiori luminari delle patologie della parete addominale e dell’addome complesso.

Insomma si tratta senza dubbio di un risultato importante, che testimonia i progressi sempre più avanzati che stanno interessando la chirurgia in questi ultimi anni.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!