Ivan Cattaneo, dopo il Grande Fratello vip: ‘Portato in un ospedale psichiatrico’

Ivan Cattaneo ha stupito tutti al Grande Fratello, per alcuni poteva addirittura vincere il reality. Ma purtroppo, la nomination con Lory Del Santo non gli ha dato scampo. Ecco cosa è successo dopo il reality

Dopo l’eliminazione al GF Vip, Ivan Cattaneo si racconta ai microfoni di di Verissimo, il programma condotto da Silvia Toffanin. Durante la lunga intervista, il cantante ha parlato molto della sua infanzia, tutt’altro che facile e del percorso che lo ha portato ad essere il cantante che tutti conosciamo.

L’Ospedale psichiatrico e la prima adolescenza

Ivan Cattaneo si mette a nudo ai microfoni di Silvia Toffanin e nel programma ”Verissimo” rivela importanti e choccanti particolari riguardanti la sua prima infanzia ed il periodo dell’adolescenza.

A causa del suo orientamento sessuale in un periodo storico in cui l’omosessualità non veniva vista affatto di buon occhio, ha raccontato Cattaneo, a 13 anni era stato sottoposto ad una serie di visite mediche. Tutto questo è terminato con la decisione di Internare Cattaneo in un ospedale psichiatrico per alcuni mesi, di quella esperienza il cantante ha raccontato:

“A 13 anni mi ero innamorato di un ragazzo, ma all’epoca avevo letto sui giornali che questi gay, definiti ‘mostri’, per innamorarsi e curare la loro imperfezione, dovevano diventare donne. Quindi, per avere questo ragazzo pensavo di dover diventare una donna, anche se non lo volevo, e sono andato a dirlo a mia mamma.

L’artista ha continuato così il suo racconto:

Lei mi ha portato da un dottore e gli ha detto che ero gay,purtroppo si è fidata di questo dottore e così mi hanno mandato in un ospedale psichiatrico, dove mi facevano dormire in continuazione e mi sedavano e basta. A un certo punto, quindi, ho capito che dovevo difendermi dal mondo perché nessuno mi avrebbe mai aiutato e ho deciso di dire che ero guarito, che stavo benissimo e non ho più affrontato il problema”

Il Seminario e la vita dopo il GF

Non è stata solo l’esperienza in ospedale, però, a sognare l’adolescenza del cantante di ”Una Zebra a Pois”, ai microfoni di Verissimo Cattaneo ha infatti raccontato di aver considerato l’idea di diventare prete, prima di lanciarsi definitivamente nella carriera artistica. In realtà, ha raccontato Ivan Cattaneo, la scelta del seminario gli è più che altro stata imposta dai genitori, a causa della limitata disponibilità economica.

Una scelta che il cantante ha vissuto in maniera angosciata, anche e sopratutto per il tabù sui gay,tipico del tempo:

Mi sarebbe piaciuto diventare prete, più che altro era l’unica possibilità- ha raccontato Ivan- non vedevo altre vie e poi i miei erano molto poveri e in seminario si poteva spendere di meno per tenere i ragazzi in collegio.

Ivan ha anche aggiunto:

Sono stato lì ma piangevo e non stavo bene: mi hanno mandato in seminario per non farmi avere nessun contatto col mondo. È stata una grande sofferenza, anche perché allora non si parlava tranquillamente di gay. Dopo il 1968 è cambiato tutto e, probabilmente, anche grazie a me”

Infine, anche un accenno alla situazione attuale, Cattaneo ha infatti dichiarato di essere stato accolto, all’uscita del Gf Vip, con una brutta sorpresa: Il fidanzato aveva troncato di netto il loro rapporto.

“Avevo qualcuno che mi aspettava fuori dalla casa, ma ho scoperto che si è innamorato di un’altra persona. Lui è bisex, ha conosciuto una ragazza e si è messo con lei. Io, però, sono felice che lui abbia trovato una persona e così mi sono messo in disparte come al solito. Era l’unico motivo che mi rendeva felice quando sono uscito dalla Casa del Grande Fratello, perché non volevo andarmene”

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!