“Sei una milfona” l’insulto in diretta a Lorella Cuccarini, la reazione choc – Video

Lorella Cuccarini

Lorella Cuccarini ha lasciato tutti senza parole con la reazione che ha avuto in prima serata su canale cinque. Offese che la showgirl non ha gradito

Lorella Cuccarini viene contattata per una collaborazione musicale con un cantante emergente chiamato Lale Brah in particolare per rifare la canzone “La notte vola” in versione Trap. Lorella Cuccarini entusiasta arriva nello studio di registrazione.

Ma qualcosa non va come vorrebbe: il cantante inizia a cantare il suo celebre brano ma ci sono troppe strofe che contengono rime un po’ spinte: “Prendo questo flauto e suona”!

“Canto con una milfona più amata dagli italiani e che non se la fatta nemmeno pure i cani?”

La cantante è perplessa per il testo che ha appena ascoltata e inizia a mostrare il suo disappunto sulle rime introdotte nella sua canzone: “Mi fa schifo”.

Tuttavia, la cantante non può tirarsi indietro perché il figlio Silvio ha firmato un contratto che le impone di cantare il brano con tanto di rime sgradevoli. La Cuccarini inizia a perdere le staffe. A questo punto il cantante le dedica una rima in cui la informa che è su scherzi a parte!

Cuccarini a Scherzi a parte

Dopo tre anni, è ritornato su canale 5 il programma “Scherzi A Parte” che anche quest’anno è condotto da Paolo Bonolis. Molti sono i personaggi del mondo dello spettacolo che sono finiti nel mirino della nuova edizione della trasmissione. Oltre a Lorella Cuccarini, nella terza puntata mandata in onda ieri sera anche il comico romano Enrico Brignano, Ignazio la Russa, l’attrice Malena e il ballerino Enzo Paolo Turchi.

Molte sono le novità di questa nuova ed entusiasmante edizione in quanto si tratta di vere e proprie narrazioni cinematografiche con tanti effetti speciale e citazioni tratte da film e serie televisive. Non perdetevi l’ultimo appuntamento della trasmissione che andrà in onda venerdì prossima su Canale 5 alle ore 21:20 per passare una serata ricca di divertimento.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!