Alessandro Montresor, corsa contro il tempo per trovare un donatore compatibile

Bambino malattia rara

Alessandro Maria Montresor è un bambino di un anno e mezzo nato con una malattia genetica rarissima. Per salvarlo è necessario sottoporlo a un trapianto di midollo osseo con un donatore compatibile.

Alessandro: midollo trovato ma donatore disponibile solo da gennaio

I genitori del piccolo su Facebook confermano che, tramite una ricerca effettuata nel registro internazionale, si è riusciti a trovare un donatore altamente compatibile con Alessandro. Purtroppo però a seguito dell’accertamento della compatibilità, hanno appreso che questo donatore non italiano si è reso disponibile soltanto a partire dal prossimo gennaio. I genitori, sempre su Facebook, sottolineano che:

“Tale tempistica purtroppo è incompatibile con la malattia del nostro bimbo, che come sapete richiede un trapianto il prima possibile. Ed allora il Great Ormond Street Hospital, d’accordo con il Professore Franco Locatelli direttore del dipartimento di Onco-Ematologia Pediatrica, terapia Cellulare e Genica dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù (che sin DALL’INIZIO ci ha dimostrato massima attenzione e disponibilità), ci hanno proposto di trasferire Alessandro Maria a Roma per sottoporlo alle cure dell’equipe italiana”.

Già a metà dello scorso ottobre, i genitori di Alessandro hanno pubblicato un appello su facebook che è diventato subito virale, scatenando una vera e propria gara di solidarietà. Tuttavia rimane l’urgenza di trovare un donatore di midollo osseo compatibile. Drammaticamente si profila una data come punto di non ritorno: il 30 novembre prossimo il farmaco sperimentale che tiene in vita il bambino terminerà il suo effetto. In questo senso la famiglia spiega che:

“Dal primo dicembre la malattia potrebbe riprendere il suo corso, e nonostante la commovente gara di solidarietà, il problema dell’assenza di un donatore rimane”.

La rarissima malattia genetica che ha colpito Alessandro

Il bambino è affetto da linfoistiocitosi emofagocitica, una rarissima malattia genetica che colpisce lo 0,002 dei bambini. Si tratta di una malattia del sistema immunitario, in particolare dei macrofagi e dei linfociti T che diventano iperattivi. La malattia in genere viene scatenata da una infezione virale. Si manifesta nei primi mesi di vita con febbre elevata senza causa apparente e l’ingrossamento del fegato e della milza. L’unica terapia risolutiva consiste nel trapianto di cellule staminali ematopoietiche.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!