Il piatto del giorno: Brioscia con carciofi

Brioscia con carciofi
Il piatto del giorno: brioscia con carciofi

Inauguriamo oggi una nuova rubrica, Il piatto del giorno, nella quale potrete trovare nuove idee da proporre sulla vostra tavola.

Cominciamo con la brioscia salata con carciofi, un piatto unico economico, un po’ laborioso ma indubbiamente ottimo. Vediamo insieme come si realizza.

 

Ingredienti per 6-8 persone:

500 g di farina

4 uova

2 cucchiai di zucchero

30 g di lievito di birra

200 g di strutto

8 carciofi

1/2 cipolla bianca

1 manciata di prezzemolo

120 g di prosciutto cotto

200 g di mozzarella di bufala

1 tazzina di latte

olio di oliva

sale e pepe quanto basta

 

Preparazione:

Con la farina, mescolata allo zucchero e ad un pizzico di sale, lo strutto fuso (non caldo), le uova sbattute (tutto tranne un tuorlo) e il lievito sciolto in una tazzina di latte, preparare una pasta ben battuta, gonfia ed elastica (se necessario, aggiungere qualche cucchiaiata di acqua tiepida), lavorandola dentro una larga casseruola o un’ampia insalatiera.

Ottenuta una pasta omogenea, coprire il recipiente, avvolgerlo con cura in un canovaccio e metterlo vicino ad una fonte di calore, affinchè lieviti per 2-3 ore.

Trascorso questo tempo, mondare i carciofi. Liberarli da tutte le foglie esterne dure, dalle punte e dai gambi, che andranno puliti a parte (liberandoli dai filamenti) e tagliati a fiammifero. Tagliare a spicchi i carciofi, dopo aver eliminato eventuali barbe e foglie indurite; poi raccogliere in una casseruola la cipolla affettata, i carciofi (compresi i gambi) e il prezzemolo tritato. Cospargere il miscuglio di sale e pepe; ungerlo con un filo di olio e mettere il recipiente sul fuoco perchè il tutto possa soffriggere piano per qualche minuto. Dopo un po’, bagnare l’intingolo con una tazzina di acqua; coprire la casseruola e proseguire la cottura dolcemente, per circa 15 minuti. Negli ultimi istanit, scoprire il recipiente, in modo che il liquido di cottura possa assorbirsi. Alla fine, quando i carciofi risultano teneri, spegnere il fuoco.

Riprendere la pasta, sbatterla ancora per qualche istante, quindi dividerla in due parti. Ungere di strutto una teglia di 20-24 cm di diametro e dai bordi alti. Collocare sul suo fondo metà dell’impasto, dandogli una forma cava, rialzando la pasta verso i bordi laterali del recipiente.

Fatto questo, sistemare al fondo della cavità un etto di mozzarella affettata. Pigiare leggermente ogni fetta di formaggio, nel sistemarla, in modo da spingere verso i bordi la pasta, che lievitando continuerà sempre a gonfiare annientando l’incavatura. Poi spargere sulla mozzarella metà del prosciutto tritato grossolanamente.

Allargare sullo strato di prosciutto tutti i carciofi e, quindi, distribuire su di essi il prosciutto rimante e le fettine di mozzarella. Coprire questo riepieno con la rimanente pasta bene allargata, badando di sigillare bene i margini dei due dischi di pasta.

Mettere la teglia nel forno preriscaldato e poi spento e lasciare che la brioscia lieviti un’altra ora.

Dopo questo tempo, spennellare la superficie con il tuorlo rimasto, stemperato in pochissimo latte e accendere il dorno a 240°. Dopo circa 10 minuti, portare il forno a 200° e proseguire la cottura per altri 40 minuti circa.

A cottura ultimata, spegnere il forno e lasciare che il piatto di intiepidisca per 10 minuti, quindi estrarre la brioscia e trasferirla al centro di un piatto circolare. Farla intiepidire altri 10 minuti quindi servirla tagliata a fette.

 

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!