Mara Venier e Domenica In nella bufera: la conduttrice fa una censura e finisce nei guai

Mara Venier

La conduttrice veneta è finita nel mirino del Pd

Dopo la puntata di Domenica In andata in onda qualche giorno fa, Mara Venier e o stesso programma sono finiti nella bufera mediatica. La conduttrice, nel giorno dedicato alla violenza sulle donne, secondo alcuni esponenti del Pd avrebbe censurato il tema e addirittura lo ha sottovalutato.

Mara Venier non avrebbe aderito alla giornata dedicata alle violenze sulle donne

Alcuni esponenti del Partito Democratico si sono arrabbiati con Mara Venier e Domenica In. La cosa che rivendicano è che la conduttrice e i suoi autori non hanno mandato in onda l’intervista alla mamma di Sara Di Pietrantonio, la ragazza uccisa nel 2016 a Roma dall’ex fidanzato. Al suo posto è stata trasmessa una pseudo intervista realizzata a Renato Zero. Questo ha provocato ulteriori polemiche perché il cantautore romano si è mostrato con il volto coperto e si fingeva una vittima di violenza.

La parlamentare del PD contro Mara e Domenica In

Secondo i dem, Mara Venier avrebbe clamorosamente deciso di non aderire alla campagna contro la violenza sulle donne ‘Non è normale che sia normale’, indetta dalla deputata Mara Carfagna e diffusa anche da Barbara D’Urso. La conduttrice veneta, inoltre, avrebbe rinunciato alla presenza di Sara nel salotto di Domenica In.

“La Rai del governo giallo verde sia più rispettosa. Le donne muoiono e troppo spesso la violenza si nasconde in quelle mura dove entra la tv. Una tv pubblica che evidentemente non ha più chiara quale sia la sua vocazione”,

ha detto Pina Picierno, europarlamentare del Partito democratico.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!