Vieni da me, Manuela Arcuri e i peli sotto l’ascella, imbarazzo in diretta

Manuela Arcuri
Manuela Arcuri e i peli sotto l'ascella

Manuela Arcuri è nota per essere un’attrice molto bella e desiderata dal pubblico maschile. L’intervista con la Balivo però ha gelato lo studio, una scena molto imbarazzante

Vieni da Me ha avuto oggi un ospite speciale, la bella Manuella Arcuri che si è simpaticamente sottoposta al gioco ‘della cassettiera’ della puntata di oggi, mercoledì 28 novembre 2018.  E’ attraverso il dolce gioco di Caterina Balivo che l’attrice si è raccontata in tutte le sue sfumature, ma ad un certo punto è accaduto qualcosa di imbarazzante.

Vieni da me, Manuela Arcuri

A Vieni Da me, Manuela Arcuri ha raccontato un po’ qual è la sua attuale vita. L’attrice si è raccontata a cuore aperto da Caterina Balivo parlando dei suoi progetti e della sua attuale quotidianità da mamma e da donna in carriera.  Ad un certo punto però, è arrivato un cassetto piuttosto imbarazzante per Manuela: Caterina ha tirato fuori un deodorante per le ascelle. La Arcuri ha esclamato perplessa:

“Io mi lavo, giuro, tutti i giorni! Faccio la doccia!”.

La Balivo ha dunque svelato il motivo di tale oggetto e tutti in studio hanno capito, difficile dimenticare una scena come quella.

La Arcuri e la scena imbarazzante

Il deodorante proveniva da una vecchia scena che la ritraeva con Carlo Verdone ed era un po’ particolare: è una scena che Manuela ha girato agli inizi della sua carriera, in cui aveva i peli di una delle ascelle in bella mostra. L’attrice romana ha commentato così la scena:

E’ stata una delle scene più importanti, che sono rimaste nel tempo e nella storia del cinema comico. Nella scena io avevo un’ascella pelosa, con addirittura una treccina lunga e sottile! Una scena molto divertente, che mi ha dato tantissimo. Carlo mi ha regalato tanto facendomi fare questo ruolo piccolo, ma molto incisivo.

Non avrebbe mai pensato che sarebbe stata ricordata così a lungo questa scena. Nel girare quella scena si è imbarazzata non poco ma a giudicare dal successo ne è valsa la pena.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!