McDonald’s, studio shock: “Batteri e feci sui touchscreen”, l’azienda risponde: “Puliamo quotidianamente”

McDonald's studio schock touch screen

In alcuni ristoranti McDonald’s del Regno Unito è stata rilevata la presenza di batteri e residui di feci sui touchscreen. Si tratta di microrganismi pericolosi per la salute umana. E’ quanto emerge da uno studio condotto dalla London Metropolitan University e dal sito Metro.co.uk.

McDonalds: i risultati shock dello studio

I ricercatori hanno prelevato dei tamponi in otto ristoranti, sei a Londra e due a Birmingham. Le analisi hanno riguardato i touchscreen, ovvero i maxi-schermi che da qualche mese permettono di ordinare i piatti senza fare la fila. Ma quali sono i batteri rinvenuti pericolosi per la salute umana?

Su uno di questi maxi-schermi è stata rilevata la presenza dello Stafilococco, che può avvelenare il sangue e causare shock tossico. Nei ristoranti sono stati rilevati anche i batteri appartenenti alla famiglia della listeria, che possono portare all’aborto in caso di contagio di donne incinta. Inoltre su tre quarti dei touchscreen presi in esame, l’indagine ha evidenziato la presenza di batteri appartenenti al genere Proteus.

Di solito si trovano nelle feci degli umani e dei topi. Infine è risultata la presenza dei batteri del genere Klebsiella, che possono causare infezioni alle vie urinarie, diarrea, setticemia e nei casi più gravi polmonite.

Così ha spiegato il dottor Paul Matawele, coordinatore dell’indagine:

“Siamo molto sorpresi di aver trovato tanti batteri intestinali e fecali i touchscreen sono sempre più utilizzati, ma questi risultati consigliano di non mangiare direttamente dopo averli toccati, perché sono antigienici e diffondono malattie”

McDonald’S: la risposta dell’azienda

L’azienda tramite un portavoce ha risposto che i touch-screen vengono puliti ogni giorno e che in ogni ristorante vi sono i servizi per lavarsi le mani prima di mangiare. Tuttavia gli stessi autori della ricerca precisano che lo studio ha preso in esame solo 8 fast food. Pertanto ciò non permette di delineare un quadro complessivo sulle condizioni igienico-sanitarie di tutti i ristoranti McDonald’s.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!