Addio a Sandro Mayer: ‘Il giornalista si è spento poche ore fa per….

Sandro Mayer
Lutto mondo del giornalismo

Sandro Mayer era un giornalista molto amato e stimato, sorpattutto per quanto riguarda il suo stile nel raccontare le notizie di gossip. Ecco come si è spento

Lutto nel mondo del giornalismo e della tv. Aveva 77 anni, Sandro Mayer e fino a poco tempo fa l’abbiamo visto in televisione accanto alla cara e brava Milly Carlucci. Poche ore fa, purtroppo è volato in cielo. A dare la notizia i suoi parenti.

E’ morto Sandro Mayer

Avrebbe dovuto compiere, il prossimo 21 dicembre, 78 anni Sandro Mayer. Purtroppo, il giornalista e e scrittore italiano ci ha lasciati prima che potessimo capire quanto grave era la sua situazione.

In tanti comprano il suo settimanale, Di Più con sopra la sua foto, ma  il giornalista p noto anche per il ruolo di opinionista nel celebre programma di Milly Carlucci, Ballando con le stelle, che presto rivedremo in onda su Rai Uno.

Chi era Sandro Mayer

Il giornalista nacque a Piacenza nel 1940,  si laureò in scienze politiche ma poi ha sviluppato un vero e proprio amore per il mondo del giornalismo. Lavora prima per Novella 2000 per poi prendere le redini di Gente, dove resterà per vent’anni. Dal 2004, diventa fondatore di Cairo Editore, e produce Di Più che in breve si classifica come il settimanale più venduto in Italia.

In tanti si ricordano di lui per un fatto piuttosto particolare: il parrucchino che parve indossare in una delle ultime edizioni del programma per i vip. Sandro, che era un uomo molto ironico ci scherzò su per primo: era un trattamento che aveva voluto regalarsi per sentirsi più a suo agio in TV. Con la sua morte, Sandro lascia la moglie Daniela e la figlia Isabella.

Tra i primi a salutare il giornalista, Gabriele Parpiglia con un tweet commovente:

«Dispiacere per la morte di un inventore,un giornalista che sapeva leggere nella pancia e nel cuore del lettore. Ricordo il nostro primo incontro,i consigli.Ciao direttore #SandroMayer giornalista che ha cambiato questo mestiere. Spero che il suo nome resti accanto al suo #DiPiù».

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!