Belen Rodriguez, una brutta nottataccia per la showgirl: ecco cosa è successo

Belen Rodriguez Balalaika
Belen Rodriguez

La showgirl argentina Belen Rodriguez ha attraversato una brutta nottataccia. Cosa è successo? Un imprevisto che l’ha costretta a riposare molto poco

Belen non è solita lamentarsi ma a volte lo stress è troppo anche per lei e i social le permettono di sfogarsi e di trovare conforto. La showgirl ha trascorso l’intera notte fuori casa. Una nottata molto lunga e faticosa per la nota showgirl argentina che, per preparare la puntata del programma Tu sì que vales, non ha chiuso occhio.

La showgirl e la notte infinita

Belen Rodriguez è stata impegnata tutta la notte a preparare la puntata di Tu sì que vales. Questa è una risposta a tutti gli haters che sostengo che molti Vip non facciano nulla tutto il giorno. Belen addirittura lavora anche di notte per preparare al meglio il suo lavoro al quale si dedica sempre con passione e dedizione.

Ma la bella Argentina non solo è molto assennata nel lavoro, infatti è anche molto impegnata a fare la mamma. Insomma non si può proprio dire di Belen che non abbia nulla da fare.

La dura notte di Belen

Nelle storie Belen si lamenta parecchio dell’orario, implorando i presenti:

“Fateci tornare a casaaaa!”.

La showgirl, trascorsa la mezzanotte era ancora a lavoro a rivedere il copione del programma e ha raccontato ogni dettaglio. Con lei c’erano gli autori, Martin Castrogiovanni, i truccatori, il parrucchiere.

Insomma tutti presenti per preparare al meglio la puntata di Tu sì que vales. La giornata di Belen di ieri, 30 Novembre è iniziata con un volo per raggiungere poi gli studi televisivi nel traffico romano e ha commentato:

“Grazie Roma per il traffico quotidiano”.

Poi ha successivamente commentato l’orario e scritto:

“Sono rimasti due neuroni, dicono, si ricreeranno domani, dicono”.

E tagga Martin Castrogiovanni.

Arrivata poi alle 2 di notte in albergo ha così commentato:

“Stanca? Noooo”.

Insomma una vera nottataccia per Belen che non si tira indietro quando c è da lavorare anche fino a tardi.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!