Paura per Matteo Salvini, il Ministro aggredito da un immigrato

Salvini

Matteo Salvini è il Ministro dell’Interno e come tale ha diversi sostenitori ma tra gli immigrati ha diversi nemici. Per questo il Ministro ha rischiato ieri sera, una tentata aggressione nei suoi confronti

Il Ministro dell’Interno, Matteo Salvini, è stato vittima di un tentativo di aggressione intorno alle 21 di ieri sera. Grazie al tempestivo intervento della sicurezza è stato possibile sventare l’aggressione ai danni del leader della Lega.

L’aggressione al Ministro dell’Interno Matteo Salvini

Giovedì sera intorno alle 21, il leader della Lega si è recato ‘Auditorium Parco della Musica’ per assistere al un concerto di Edoardo Bennato ma è stato avvicinato da un uomo che infuriato gli ha urlato contro. Sono volate parole pesanti nei confronti del Ministro Dell’Interno: le persone che erano presenti sul luogo erano spaventate e c’è chi ha addirittura pensato che l’uomo, vista la sua rabbia senza controllo, potesse aggredire Matteo Salvini.

Tuttavia, grazie al tempestivo intervento degli agenti della scorta del vicepremier della Lega l’uomo è stato preso. L’uomo è stato affidato agli agenti del commissariato di ‘Villa Glori’ è successivamente trasportato in questura dove si è scoperta la sua vera identità.

L’aggressione di un immigrato

Si tratta di un immigrato yemenita che ha scatenato terrore tra chi era giunto all’Auditorium Parco della Musica per assistere al concerto del cantautore napoletano. Successivamente quando l’uomo è stato fermato dagli agenti della scorta del Vicepremier della Lega si è scoperto che l’aggressore aveva con sé anche un coltellino.

Per fortuna, grazie al tempestivo intervento degli agenti è stato possibile ripristinare l’ordine non a caso il Ministro dell’Interno si è anche scattato un selfie con il cantautore napoletano in cui appare sereno e sorridente.

Speriamo che episodi simili non si ripetano in futuro. Lo scambio di opinioni divergente è sempre ben accetto, ma la violenza in tutte le sue forme è deplorevole.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!