Antonio Ricci minaccia Flavio Insinna: ‘Deve ringraziarmi che mi sono fermato, sennò…’

Ricci e Insinna

L’ideatore di Striscia la notizia si confessa al Corriere della Sera

Alcune ore fa Antonio Ricci, padron del tg satirico Striscia la notizia ha rilasciato una lunga intervista al quotidiano Corriere della Sera. L’autore del programma pù visto della televisione italiana ha parlato di Salvini, di cucina e ovviamente ha menzionato anche Flavio Insinna. Andiamo a vedere nel dettaglio cosa ha detto sul conduttore de L’Eredità.

Antonio Ricci torna a parlare di Flavio Insinna

Intervistato dal Corriere della Sera, ad Antonio Ricci è stato chiesto cosa è successo dopo il polverone mediatico che ha colpito Flavio Insinna. L’ideatore di Striscia ha affermato che per sua volontà si sono fermati a non mandare avanti altre prove contro il conduttore romano.

Il tutto è iniziato quado è stato abolito l’Oscar della tv e qualche mese dopo avevano visto Insinna ospite da Bianca Berlinguer a tessere gentilezza. A quel punto Ricci ha deciso di mandare in onda dei video nei quali dimostravano il vero carattere di Insinna.

“Una violenza non dovuta ad uno sbrocco estemporaneo, ma all’ira verso i suoi collaboratori che non avevano taroccato il gioco come lui voleva. La Rai per anni ha preso in giro i telespettatori e il cattivo sono io?”,

ha dichiarato il padron del tg satirico.

Antonio Ricci parla di Salvini, Grillo e di Masterchef

Durante l’intervista rilasciata al Corriere della Sera, Antonio Ricci ha affermato anche che il vicepremier leghista Matteo Salvini è come il Gabibbo perché ha la pancia, non parla e rutta. Mentre Beppe Grillo gli ricorda molto un estintore chiuso dentro una teca pronto ad essere usato in caso di emergenza. Infine ha speso delle parole poche carine nei confronti di Masterchef, il cooking show di Sky.

“È uno spettacolo crudele: non si può umiliare e far piangere una creatura umana solo perché ha sbagliato un contorno. Ha portato danni esiziali alla convivialità”,

ha dichiarato Ricci.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!