Claudia Galanti distrutta dal dolore: ‘Ecco come è morta mia figlia…’

Claudia Galanti

La showgirl si confessa nel salotto di Lorella Boccia

Ieri sera su Real Time (canale 31 del digitale terrestre) è andata una nuova puntata di Rivelo, il programma condotto da Lorella Boccia. L’ospite è stata Claudia Galanti che è tornata a parlare della tragica morte della figlia scomparsa quattro anni fa. La showgirl ha rivelato la causa della morte di Indila e il grande dolore di quando ha ricevuto la drammatica notizia.

Claudia Galanti e la morte della figlia Indila

“Ho ricevuto una telefonata dalla sorella di Arnaud che mi dice ‘Tua figlia è morta’, Io ero all’aeroporto: mi aveva detto che era morta e che dovevo tornare subito a Parigi. Ma come ha potuto fare una cosa del genere?”,

ha esordito in questo modo Claudia Galanti a Rivelo. Quest’ultima, inoltre, ha affermato che stava spaccando tutto in aeroporto perché c’era la possibilità che non le facessero prendere l’aereo.

Solo grazie ad un pilota l’ex naufraga è salita sul velivolo ma è stata legata perché era troppo agitata. Appena arrivata sul posto si è trovata il corpicino senza vita della figlioletta Indila e a Boccia ha rivelato questo:

“Non volevo darle un bacio. Era fredda. Arnaud ha cercato di scaldare il viso della piccola strusciando con le mani fortissimo e ripeteva ‘adesso puoi baciarla’. Così l’ho baciata”.

Claudia Galanti: il motivo della morte di Indila

A Rivelo, Claudia Galanti ha dichiarato di pensare sempre la figlia. Quando va al parco e vede madri insieme ai loro piccoli, oppure osservando le sue foto sparse per casa.

“Continuo a darmi molte colpe e spesso piango. Mi colpevolizzo anche perché non ero con lei quando è morta. Lei si è spenta quando toccava al padre e lui è partito in viaggio con la compagna. Indila era con la tata”,

ha detto la showgirl. Infine quest’ultima ha affermato che Indila è morta per un’infezione batterica del sangue. I medici le hanno anche chiesto di fare l’autopsia e lei ha detto di no.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!