Ravioli alla cacciatora

Ricetta dei ravioli alla cacciatora
Il piatto del giorno: ravioli alla cacciatora

I ravioli alla cacciatora sono un primo piatto squisito, richiedono un po’di tempo e lavoro, ma il risultato vale indubbiamente la pena dello sforzo e vi permetterà di fare un’ottima figura con i vostri ospiti. Vediamo insieme come si realizzano.

 

Ingredienti per 4 persone:

200 g di farina

3 uova

1 cosciotto di lepre

1 petto di fagiano

200 g di lattuga

1 cipolla

1 carota

1 rametto di timo

2 foglie di alloro

2 bacche di ginepro

1/2 bicchiere di vino rosso

60 g di parmigiano grattugiato

1 cucchiaio di olio

150 g di burro

noce moscata, sale e pepe quanto basta

 

Preparazione:

Con la farina, 2 uova sbattute, un pizzico di sale, l’olio e qualche cucchiaiata di acqua tiepida, preparare una pasta omogenea, liscia e ben lavorata. Avvolgerla a palla, chiuderla dentro un tovagliolo e metterla a riposo per almeno 20 minuti.

Frattanto, preparare il ripieno dei ravioli: tagliare la carne a pezzi (disossando la lepre) e rosolarla in tegame, con un cucchiaio di burro, la cipolla e la carota finemente tritate.

Rimestare il tutto, mentre va soffriggendo, poi bagnarlo con il vino e aggiungere la lattuga lavata, mondata e tagliata a listerelle sottili. Adagiare sul miscuglio le foglie di alloro, coprire il recipiente e far cuocere piano, per almeno 1/2 ora.

A questo punto, eliminare le foglie di alloro e tritare la carne ormai cotta. Rimettere il trito nel tegame e mescolarvi un cucchiaio di formaggio, l’uovo rimasto, battuto con un pizzico di sale, una spolveratina di pepe e un po’di noce moscata, grattugiata molto finemente. Addensare il tutto sul fuoco, a fiamma moderata, poi spegnere e lasciar raffreddare.

Spianare, adesso, la pasta in 2 o 4 sfoglie sottili. Sistemare sulla prima sfoglia tanti mucchietti di ripieno (un cucchiaio da caffè) distanziati l’uno dall’altro 4-5 centimetri; coprire questa sfoglia con un altra, premere fortemente le due sfoglie lungo i solchi che intercorrono tra i mucchietti di ripieno e, in quel punto, fare correre la rotella tagliapasta, per ricavarne tanti ravioli quadrati.

Quando tutti i ravioli saranno pronti, lessarli in acqua bollente salata. Scolarli e dividerli nelle fondine. Condirli con burro bollente, nel quale siano stati soffritti il timo e le bacche di ginepro (poi eliminati). Cospargere ogni porzione di formaggio grattugiato e servire immediatamente.

 

L’appuntamento con la prossima ricetta è per domani; intanto, se volete restare aggiornati su tutti i miei articoli (di cucina e non solo), potete chiedermi l’amicizia cliccando qui, e se siete alla ricerca di idee sfiziose adatte agli intolleranti al glutine, potete seguirmi mettono il vostro like qui.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!