Uomini e Donne, i chiarimenti di Nicolò Ferrari dopo la polemica sulle sponsorizzazioni

Nicolò Ferrari, ex partecipante di Uomini e Donne e Temptation Island Vip, risponde sui social alle critiche degli ultimi giorni mosse contro di lui.

Nicolò Ferrari: la polemica delle sponsorizzazioni

Alcuni giorni fa, Nicolò Ferrari aveva commentato le puntate di Uomini e Donne criticando alcuni partecipanti del programma perché troppo interessati ai social e ad apparire, piuttosto di cercare l’amore. A seguito di queste dichiarazioni, l’ex tentatore ha ricevuto molte critiche. Per questo ha deciso di spiegare meglio che cosa voleva dire.

Nicolò Ferrari: i chiarimenti dopo la polemica

L’ex corteggiatore di Nilfar Addati, che non l’ha scelto per Giordano Mazzocchi, ha fatto una serie di video su Instagram in cui ha voluto chiarire le sue dichiarazioni precedenti, dal momento che queste hanno creato tanto scompiglio. Ebbene, il giovane milanese ha precisato che per lui non c’è niente di male a fare sponsorizzazione sui social, ma questo deve essere una conseguenza:

Le ho fatte anche io qualche volta, poche perché non mi piace vendere fuffa alla gente. Ma quello che voglio dire è che tutto questo va bene se è una conseguenza della partecipazione al programma, ma non deve essere l’obiettivo principale.

Ormai sono molti i casi in cui si scopre che i ragazzi vanno a Uomini e Donne solo per avere un seguito sui social e guadagnare attraverso gli sponsor.

L’ultimo caso eclatante è stato quello di Sara Affi Fella che ha finto per tutto il suo percorso con l’obiettivo del business, come direbbe Tina Cipollari. Nicolò ha anche parlato della sua personale esperienza nel programma, ecco le sue parole:

Io sono andato a Uomini e Donne per vivere una nuova esperienza, per provare dei sentimenti, per cercare l’amore. Tutti sanno com’è andata ma è un’esperienza che ricorderò sempre perché l’ho vissuta con il cuore non con il pensiero di vendere mia madre con il codice sconto. Quest’anno si vede che tanti sono lì solo per quello.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!