Angelo Sanzio, il Ken umano ricoverato in ospedale: ‘E’ stato aggredito, gli hanno….

Angelo Sanzio

Il ken umano italiano, Angelo Sazio, conosciuto per la sua partecipazione al Grande Fratello vip è stato aggredito e picchiato, ed è addirittura finito all’ospedale

Angelo Sanzio, meglio noto al pubblico con lo pseudonimo di ‘Ken umano’ è stato in passato al centro dei riflettori per essersi sottoposto ad una serie di interventi chirurgici per assomigliare al fidanzato di Barbie. Lo scorso anno ha partecipato al del ‘Grande Fratello’ condotto da Barbara D’Urso conquistando il pubblico per la sua allegria all’interno della casa più spiata di Italia.

Da poche ore circola in rete una notizia che ha fatto spaventare non poco i suoi fa: Angelo Sanzio è stato aggredito un gruppo di ragazzi e successivamente è stato trasportato in ospedale.

L’Aggressione ad Angelo Sanzio

Nell’intervista rilasciata al sito ‘Tempo.it’, l’ex concorrente del ‘Grande Fratello ’ ha raccontato di essere stato aggredito nei pressi di Civitavecchia fa un gruppo di ragazzini. Angelo Sanzio ha affermato:

“Non accadeva dai tempi delle scuole medie una cosa simile. È stata un’aggressione omofoba”.

L’opinionista di Barbara D’Urso ha raccontato che si trovava nei pressi di Civitavecchia per trascorrere una serata con delle sue amiche per bere qualcosa in centro. Ma mentre camminava con le sue amiche hanno incontrato un gruppo di ragazzi stranieri che l’hanno insultato. Uno di loro l’ha preso a schiaffi ferendolo all’orecchio sinistro.

Angelo Sanzio non ha denunciato il gruppo di ragazzi

Angelo Sanzio ha poi confessato che durante la notte ha iniziato a perdere sangue dall’orecchio e non riusciva più a sentire: spaventato è andato al pronto soccorso dove è stato visitato dall’otorino.

La fuoriuscita del sangue è stata probabilmente causata dal forte schiaffo ricevuto.
L’ex concorrente del ‘Grande Fratello’ ha deciso di non denunciare l’aggressione subita dal gruppo di ragazzi nei pressi Civitavecchia: ma afferma che è assurdo quanto gli è successo.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!