Mattia Mingarelli: nessun segno di violenza sul cadavere

Mattia Mingarelli: nessun segno di violenza sul cadavere
Mattia Mingarelli: nessun segno di violenza sul cadavere

Nessuna violenza sul corpo di Mattia Mingarelli (30 anni) scomparso da Valmalenco qualche settimana fa e ritrovato morto lo scorso 24 Dicembre. La vicenda farebbe pensare ad un incidente ed escluderebbe l’ipotesi di omicidio. L’autopsia sul corpo di Mattia è stata eseguita presso l’ospedale di Sondrio. Mattia Mingarelli era un giovane rappresentante di commercio operante ad Albavilla, in provincia di Como.

Mattia Mingarelli: gli esami dell’autopsia

Il ragazzo, secondo quanto emerso dagli esami del dottor Paolo Tricomi di Lecco, potrebbe essere morto a causa di un incidente avvenuto in montagna, proprio nella medesima zona di Chiesa di Valmalenco (Sondrio) che aveva raggiunto lo scorso 7 Dicembre.

Mattia si trovava lì per trascorrere il weekend dell’Immacolata Concezione in pace e tranquillità presso una baita che lui e la sua famiglia erano soliti affittare. La residenza si trova a poca distanza dal rifugio I Barchi. Il gestore del rifugio aveva in seguito ritrovato nella neve il cellulare dell’uomo.

Il cadavere rinvenuto la vigilia di Natale

Il cadavere di Mattia Mingarelli era stato avvistato da alcuni sciatori il giorno del 24 Dicembre 2018. Il corpo si trovava sotto un pilone della seggiovia che porta all’Alpe Palù in Chiesa Valmalenco. Una zona già battuta durante le ricerche. Ci sono ancora alcune dinamiche da chiarire nel caso di morte del 30enne.

Come leggiamo da un recente articolo de Il Giornale, le ricerche forse non sono state svolte in maniera approfondita, oppure il cadavere del ragazzo sarebbe stato portato in quella zona in un secondo momento. Proprio per questo motivo gli inquirenti al momento non hanno intenzione di escludere totalmente l’ipotesi di omicidio.

Secondo i primi risultati dell’autopsia al momento non sembrerebbero esserci segni di violenza sul corpo del Mingarelli che non parrebbe essere stato spostato rispetto alla zona in cui è stato ritrovato. Mattia potrebbe essere stato vittima di un tragico incidente, oppure di un malore. Solo ipotesi queste, ma al momento la verità sulla vicenda deve essere ancora trovata.