Daniela Martani, l’ex gieffina umilia Salvini: ‘E’ ingrassato, sta diventando un maiale con…’

Martani e Salvini

L’ex gieffina si confessa nella trasmissione I Lunatici

Alcune ore fa Daniela Martani è intervenuta a I Lunatici la trasmissione radiofonica di Radio2 Rai. L’ex concorrente del Grande Fratello ha parlato molto dell’attuale vicepremier leghista Matteo Salvini usando, anche se in modo ironico, dei termini abbastanza forti. Nel programma condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio, la Martani, vegana accanita, ha affermato che il Ministro dell’Interno si è notevolmente ingrassato come un maiale.

Daniela Martani e la critica a Matteo Salvini

“Si è ingrassato, sta diventando un maiale, sta diventando obeso. Mangia carne dalla mattina alla sera, gli consiglierei di farsi le analisi perché tra qualche anno potrebbe arrivargli una bella mazzata”,

ha affermato Daniela Martani a I Lunatici. Quest’ultima, inoltre, ha detto di averlo avvertito, ma visto che non l’ha ascoltata, non gli consiglierà più nulla. L’x gieffina non si preoccupa della salute dell’ex compagno di Elisa Isoardi, ma perché lui è un promotore della caccia e degli allevamenti.

Daniela Martani e il suo menù vegano di Capodanno

Nel corso della lunga chiacchierata sul programma in onda su Radio2 Rai, Daniela Martani ha detto basta a cotechino e zampone per il cenone di Capodanno. La donna consiglia un menù esclusivamente vegano. Quindi, Cannoncini vegan con crema di broccoli e pomodori secchi, formaggio di anacardi con mirtilli rossi e semi di zucca, tagliatelle tricolore con ragù di ceci e funghi, oppure si possono fare delle pappardelle con sugo di radicchio, fichi e seitan.

Ovviamente l’ex gieffina ha precisato che la pasta deve essere fatta rigorosamente senza uova. Infine la Daniela ha lanciato un disperato appello al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella:

“In Giappone è successa una cosa molto grave. Hanno lasciato un accordo internazionale per riprendere la caccia alle balene. Vorrei dire ai giapponesi che hanno rotto le scatole”.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!