Sindrome da fatica cronica: sistema immunitario iperattivo potrebbe scatenarla

Sindrome da stanchezza cronica

La sindrome da stanchezza cronica potrebbe essere causata dall’iperattività del sistema immunitario. E’ quanto emerge da uno studio condotto dai ricercatori del King’s College London’s Institute of Psychiatry, Psychology & Neuroscience. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Psychoneuroendocrinology.

Sindrome da stanchezza cronica: i risultati dello studio

I ricercatori sono giunti a queste conclusioni dopo aver preso in esame 55 casi pazienti affetti da epatite C. E’ noto che il trattamento di questi pazienti col farmaco interferone-alfa determina una reazione molto potente da parte del sistema immunitario. Questo perché il farmaco colpisce le difese di queste pazienti come una infezione.

Tale reazione sarebbe simile a quella che si manifesta anche nei pazienti affetti dalla sindrome. Il trattamento, inoltre, in alcuni pazienti dà luogo a fatica persistente. I ricercatori hanno quindi studiato l’attività del sistema immunitario e la fatica nei 55 pazienti trattati con l’interferone-alfa. Stando ai risultati, 18 dei 55 pazienti, hanno sviluppato un affaticamento prolungato, che si è protratto oltre 6 mesi dopo il trattamento. Inoltre, in questi pazienti si è assistito anche a un raddoppio delle molecole interleuchina-10 e interleuchina-6. Queste molecole presentavano livelli più elevati anche prima dell’inizio del trattamento.

Così hanno concluso i ricercatori:

“Ciò che questi dati suggeriscono fortemente è che le persone che sviluppano la sindrome da stanchezza cronica in risposta a un’infezione lo fanno perché il loro sistema immunitario è pronto a reagire in modo eccessivo

Ed ancora:

“Questa è una luce nella nebbia, una direzione di viaggio. Anche se lo screening è molto lontano, i nostri risultati sono il primo passo per identificare chi è a rischio di ammalarsi”

Alla base di questa iperattività del sistema immunitario potrebbe esserci una predisposizione genetica, ma serviranno altre ricerche per confermarlo.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!