Maria De Filippi confessa di avere una sindrome: ecco di cosa soffre la conduttrice

Maria De Filippi

La popolare conduttrice ha la stessa patologia di Carlo Verdone

Senza ombra di dubbio Maria De Filippi è uno dei volti più popolari della televisione italiana. L’amata conduttrice di Uomini e Donne qualche tempo fa ha confessato di soffrire di una sindrome che l’affligge ormai da diversi anni.

All’apparenza sembra una donna molto forte e invincibile, ma in realtà la moglie di Maurizio Costanzo è più debole di quel che sembra. La donna ha confessato di avere la stessa malattia di Carlo Verdone. Ma di cosa si tratta? E’ una patologia che colpisce solamente il 7% della popolazione mondiale e circa 4 milioni di italiani.

Maria De Filippi è ipocondriaca

Il più grande timore di Maria De Filippi, infatti, sono le malattie. La conduttrice Mediaset, infatti, ha svelato di soffrire di ipocondria acuta, una malattia che le fa credere di avere qualche patologia anche se si trova in ottima forma fisica. A quanto pare chi ci soffre vengono considerati dei veri e propri malati immaginari e la moglie di Maurizio Costanzo ha detto che la sua paura l’ha portata spesso a chiamare i medici anche a notte inoltrata.

“Nel mio cellulare ho i numeri di telefono di un otorinolaringoiatra, di una signora che fa il primario a Rianimazione che è il numero uno in tutti i campi, di una dottoressa che chiamo anche a mezzanotte che sa tutto di me”,

ha dichiarato la regina della televisione italiana in un’intervista. Una malattia, però, che alla conduttrice ha dato la possibilità di essere utile con le persone che le stanno vicino.

Maria De Filippi e la paura delle malattie

“Conosco tutto e, se sento qualcuno che ha avuto un malessere, suggerisco tutte le visite che può fare”,

ha dichiarato Maria De Filippi. A quanto pare quest’ultima vive sempre in uno stato di ansia. Davanti alle telecamere e riflettori la donna si mostra serena e tranquilla, ma dietro le quinte è sempre molto nervosa e con la paura di sbagliare o di non essere all’altezza.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!