‘Ultim’ora, morto sul colpo il ministro dell’interno Matteo Salvini’: la notizia choc fa il giro del web, ma è una fake news

Salvini

Una notizia che ha fatto in poche ore il giro del web. Questa volta è toccato al ministro dell’interno Matteo Salvini rimetterci la vita, ma ovviamente si tratta di una fake news

Il sito web LaStampaTV ancora una volta racconta di una tragedia, questa volta parla della morte del Ministro Matteo Salvini, con tanto di immagine relativa al suo fittizio incidente. Ogni tanto, un personaggio noto deve morire, questa volta è toccata a lui.

Matteo Salvini morto

Un sito come LaStampaTV è noto proprio per il suo continuo scrivere di bufale. Matteo Salvini per fortuna sta bene e gode di ottima salute, l’articolo relativo alla sua presunta morte non farà altro che allungargli la vita. Dopo aver parlato delle tristi sorti di Nadia Toffa e Gerry Scotti oggi tocca al Ministro dell’Interno Matteo Salvini che secondo l’articolo sarebbe morto alle 2:25 del 27 dicembre a causa di un frontale.

La strategia usata dagli autori de LaStampaTV è sempre la stessa. In pratica, sfruttano un nome simile all’autorevole testata La Stampa, emulando anche la stessa grafica. Purtroppo i lettori, leggono solo superficialmente la notizia per poi condividere compulsivamente, senza prestare molta attenzione alla fonte.

Le bufale sui personaggi famosi

Ormai ci siamo abituati a questo tipo di notizie, notizie come queste diventano virali proprio perchè approfittano della buona fede delle persone che non badano al nome della testata e si fidano, aprendo e sperando di leggere una notizia vera. Per fortuna, almeno in questo caso, ci troviamo davanti ad una notizia falsa. Salvini sta benissimo e sicuramente condividerà la notizia specificando di stare più che bene.

Il Ministro dell’Interno Matteo Salvini sta bene e anche poche ore fa ha condiviso un post sulla sua pagina Facebook: tra l’altro, l’immagine dell’incidente sfruttata dai falsari del web interessa un tragico incidente stradale avvenuto nel napoletano nel quale persero la vita quattro persone, tra le quali due minori.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!