Come fare acquisti on-line in sicurezza

Fare un acquisto on-line è ormai diventato tanto facile e veloce che almeno una volta quasi tutti hanno usufruito di internet per fare shopping. Secondo alcuni sondaggi, la percentuale di persone che si affidano quotidianamente agli acquisti in internet è cresciuto di quasi il 20%; ciò significa che ormai 15 milioni di italiani usano il proprio computer per acquistare sul web.

La maggior parte di coloro che non si sono ancora abbandonati alle comodità che ci offre internet, ha paura che i propri dati personali vengano utilizzati e rubati da altri utenti per scopi fraudolenti. Per scongiurare questo ed essere sicuri di stare per fare un acquisto on-line in sicurezza, è sufficiente seguire alcune regole base:

  • Feedback: leggere attentamente i feedback rilasciati dagli utenti che prima di voi hanno comprato qualcosa nello stesso store on-line. Ciò che permette ad un venditore un buon traffico commerciale è la buona reputazione che si fa nel web, quindi se ha tanti commenti positivi la sicurezza del vostro acquisto è quasi certamente garantita.
  • Certificato di garanzia: molti siti, che si occupano di vendite sul web, rilasciano, ai venditori, i certificati di garanzia. Ciò significa che il sito garantisce per il venditore dal quale volete acquistare qualcosa. Insomma, è una sicurezza in più.
  • Aggiornamenti: bisogna essere sempre molto attenti ad aggiornare il proprio PC. Il motore di ricerca, l’antivirus e i firewall sono ciò che vi permettono una navigazione sicura; potrete inoltre impostare a vostro piacimento i filtri del browser, in modo tale da non rischiare di incappare in siti potenzialmente pericolosi.
  • Il “lucchetto”: mentre stiamo navigando in un sito e magari ci viene richiesto di inserire i nostri dati, dobbiamo assicurarci che a destra della barra dell’ Url compaia un lucchetto. La sua presenza ci garantisce che le informazioni personali che stiamo cedendo non vengono intercettate da altri utenti.

Queste sono le principali regole per un acquisto sicuro, ma ne esistono molte altre come la scelta di PayPal o di una carta prepagata, per il pagamento, piuttosto che di una carta di credito.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!