Calciomercato Inter, Miranda ai saluti: trovato il sostituto, la richiesta

Calciomercato Inter, Miranda
Calciomercato Inter, Miranda ai saluti: trovato il sostituto, la richiesta

L’Inter a giugno sarà una delle assolute protagoniste del calciomercato. Ad affermarlo è stato Piero Ausilio, che con Giuseppe Marotta ha intenzione di rivoluzionare il team nerazzurro. Come risaputo, la dirigenza si impegnerà  poco a gennaio, ovviamente perché nel mercato estivo ci si muoverà senza le restrizioni del fair play finanziario.

Inter, calciomercato: gli acquisti

Giuseppe Marotta ha già in mente di concludere alcuni colpi a centrocampo: nelle recenti settimane si era parlato ad esempio di una rivoluzione in mediana con Modric e Barella, due calciatori cercati da tempo dalla dirigenza, che non sono però mai arrivati a Milano.

La situazione a giugno potrebbe sbloccarsi, ma nelle ultime ore sul calciatore del Cagliari sono arrivate sorprendenti indiscrezioni, che potrebbero impaurire l’Inter. Secondo Sky, infatti, il Milan ha un piano ben preciso per Barella. L’idea di Leonardo è di bloccarlo ora in vista della prossima estate.

Per Modric all’Inter invece la situazione è sempre più dubbia, almeno stando alle news che arrivano da Madrid. La stampa spagnola sostiene che il croato abbia rifiutato il rinnovo proprio per accasarsi nella società di Giuseppe Marotta.

Calciomercato Inter, il sostituto

Come detto, però, spazio anche alle partenze nel prossimo mercato dell’Inter. Il nome che circola con maggiore insistenza è quello di Miranda, che però potrebbe partire anche a gennaio.

Miranda è cercato dal Paris Saint Germain, ma nelle ultime ore si è inserito anche il Flamengo, non dimenticando l’interesse del Galatasaray. I nerazzurri dell’Inter chiedono 10-12 milioni per cedere Miranda.

Il sostituto ideale di Miranda è Andersen. Il calciatore della Sampdoria è il primo desiderio di Marotta che l’ha richiesto per il prossimo calciomercato, e per portarlo a Milano avrebbe proposto un prestito oneroso con diritto di riscatto. Ancora ignare le cifre dell’operazione. Non ci resta che attendere i prossimi sviluppi in questo ‘caldo’ gennaio 2019.