Milena Gabanelli di Report choc: ‘L’ho denunciato ma non si può fare nulla’

Gabanelli

La conduttrice di Report si sfoga su Radio2 Rai

Oltre ad essere la storica conduttrice del programma di Rai Tre, Report, Milena Gabanelli ora è anche collaboratrice del quotidiano nazionale Corriere della Sera. La 64enne recente mente ha rilasciato una lunga intervista alla trasmissione radiofonica di Radio2 Rai I Lunatici.

La presentatrice ha raccontato la vicenda che la vede coinvolta indirettamente. Ovvero da tempo su Facebook c’è una pagina intitolata ‘Sosteniamo Report e Milena Gabanelli’, che non è gestita da lei e non ha nulla a che fare con la piacentina.

Milena Gabalelli e lo sfogo a I Lunatici

“C’è qualcuno che lascia credere che alcuni articoli siano scritti da me, anche se non sono miei. C’è un soggetto a me non noto e non è possibile che io sappia chi sia che da ben sette anni utilizza il mio nome e la mia faccia per veicolare diversi blog suoi e io non posso farci niente”,

ha dichiarato Milena Gabanelli nella trasmissione radiofonica di Radio2 Rai. La conduttrice di Report, inoltre, ha detto che questa pagina trae in inganno le persone perché prende delle sue dichiarazioni, degli argomenti di cui lei sie è occupata, e li mette insieme con tanti altri. L’artista ha detto di essersene accorta perché ha ricevuto tante lamentele di indignazione da parte di diversi fan che le hanno scritto.

“Ho chiesto di togliere la mia foto da lì direttamente alla casa madre e non mi hanno risposto”,

ha detto la 64enne.

Milena Gabanelli e la denuncia contro una pagina Facebook

Milena Gabanelli ha reagito a questa ingiustizia, ma stando alle sue dichiarazioni fino ad ora Facebook non ha preso nessun provvedimento.

“Sono andata dal responsabile di Facebook Italia a Milano e mi ha detto che non poteva fare nulla. Ho chiesto di sapere chi fosse a scrivere certe cose e mi hanno detto che era impossibile perché c’è la privacy”,

ha raccontato la conduttrice di Rai Tre a I Lunatici. Quest’ultima, inoltre, ha dichiarato di aver fatto regolare denuncia ma non ha risolto nulla perché non c’è diffamazione.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!