Adrian, la serie animata con Adriano Celentano: promo, anticipazioni e data di inizio

Adrian

Andrà in onda in nove puntate su Canale 5 la graphic-novel che vede protagonista il Molleggiato

Senza ombra di dubbio può essere considerato l’evento televisivo del 2019. Ovviamente stiamo parlando di Adrian, la serie animata che tra pochi giorni andrà in onda in prima TV assoluta su Canale 5.

Da qualche settimana tutti i telespettatori della rete ammiraglia Mediaset hanno visto girare spesso il promo, ma fino ad ora non è stata svelata la data d’inizio. In questo articolo scoprirete quando partirà, ma anche alcune anticipazioni sul telefilm dell’anno.

Adrian, la serie animata: ecco quando andrà in onda su Canale 5

Doveva iniziare già lo scorso dicembre 2018 ma poi i vertici Mediaset hanno rinviato. Adrian, la serie a cartoni animati di Adriano Celentano con l’amichevole partecipazione in fase di scrittura di Milo Manara, Nicola Piovani, Alessandro Baricco e Vincenzo Cerami, partirà, salvo imprevisti dell’ultimo minuto, lunedì 21 gennaio 2019 in prima time su Canale 5. Sicuramente i telespettatori non sanno che il telefilm partirà con due episodi.

Infatti, oltre all’appuntamento del debutto previsto lunedì, il giorno seguente Mediaset ne manderà in onda un altro. Lo show di contorno al cartone Adrian sarà realizzato dal teatro Camploy di Verona, i cui vari momenti saranno legati alla presentatrice televisiva svizzera Michelle Hunziker.

Adrian: curiosità ed anticipazioni

Pensato e fortemente voluto da Adriano Celentano già nel 2008, questa tanto attesa serie animata è stata sviluppata nel corso di questi dieci anni e nei nove episodi previsti non è da escludere una comparsa a sorpresa, proprio del Molleggiato d’Italia.

Mentre è già data per certa la presenza di Lillo & Greg e di un corpo di ballo in studio. Adrian è una graphic-novel ambientata nel futuro in cui il protagonista, alter-ego di Celentano, combatte per la libertà e la bellezza contro una dittatura corrotta. Per realizzarla ci sono voluti ben sette anni e decine di milioni di euro.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!