‘Sei malata, non devevi fare dei figli’: Annalisa Minetti massacrata ed umiliata

Annalisa Minetti

La vincitrice del Festival di Sanremo 1998 nel mirino di leoni da tastiera: ecco cosa è successo

Annalisa Minetti non ci sta e sul suo profilo Instagram ha replicato a tutti coloro che l’hanno ingiustamente e gratuitamente attaccata a causa della sua condizione di madre non vedente. Tutta la vicenda si è creata per uno scatto che la cantante ha postato sui social, per condividere con i suoi numerosi follower l’ottimo voto preso ad un esame all’università.

Nell’immagine in questione l’ex Miss Italia ha tra le braccia la seconda figlia di appena dieci mesi. Si tratta della piccola Elena, nata dal matrimonio con Michele Panzarin. Ricordiamo, inoltre, che l’artista ha un altro figlio, Fabio, nato dal precedente matrimonio con Gennaro Esposito. (Continua dopo il post)

Annalisa Minetti criticata per il suo ruolo di madre: per gli haters non doveva fare figlio perché è cieca 

Alcuni leoni da tastiera hanno preso di mira i profilo Instagram di Annalisa Minetti e l’hanno pesantemente insultata e criticata sulla sua decisione di sposarsi e mettere al mondo due figli nonostante sia cieca. Ricordiamo che la cantante ha perso la vista quando aveva soli 18 anni a causa di una brutta malattia.

“Sei cieca, non avresti dovuto avere un’altra figlia”; Io non avrei mai messo al mondo dei figli che non potrei mai vedere, mi sembra che si è sposata addirittura due volte, fa mille attività, corre, canta, credo che avrà una stregua di persone che l’aiutano”,

questi sono solo due dei tanti commenti negativi nei confronti della vincitrice del Festival di Sanremo 1998 con il brano ‘Senza te o con te’.

Annalisa Minetti il supporto dei seguaci 

Per fortuna a supporto di Annalisa Minetti sono arrivati altre centinaia di messaggi positivi e di incoraggiamento. A portare alla luce il tutto è stato lo scrittore Iacopo Melio, come ha riportato il Corriere della Sera. Ma già in tanti, sul profilo personale Instagram della cantante, si sono schifati per l’assurda vicenda e le hanno espresso la loro solidarietà.