Sauna, aiuta a mantenere il cuore in salute

Sauna previene eventi cardiovascolari

La sauna riduce il rischio di eventi cardiovascoari, sia negli uomini che nelle donne. A metterlo in evidenza è una ricerca condotta dall’Università della Finlandia. Lo studio ha evidenziato che fare la sauna almeno quattro volte alla settimana per la durata di mezz’ora diminuisce il rischio di problemi cardiaci, in entrambi i sessi.

Sauna: i benefici per la salute del cuore

I ricercatori hanno monitorato per 15 anni lo stato di salute di quasi 1700 volontari con una età media di 63 anni. Dallo studio è emerso che ad una maggiore frequenza delle saune corrisponde una minore mortalità per eventi cardiovascolari. Ma a cosa si devono questi effetti protettivi per la salute del cuore? La sauna ha un effetto dilatativo sui vasi sanguigni che aiuta a far circolare meglio il sangue. In tal modo si riduce la pressione arteriosa e quindi il cuore è sottoposto a una sorta di allenamento che lo rafforza e irrobustisce.

In particolare l’esperto Ciro Indolfi, presidente della Società Italiana di Cardiologia (SIC), spiega che i frequentatori abituali della sauna in 15 anni:

“hanno sviluppato solo 181 eventi cardiovascolari, risultati poi fatali, corrispondenti a circa 2,7 decessi per 1000 individui contro i 10,1 decessi tra coloro che non la facevano o la facevano in modo saltuario. Valori che attestano una diminuzione significativa del rischio di mortalità.

L’esperto sottolinea che va tenuto conto anche della durata della sauna: in questo senso dovrebbe durare per non meno di 30 minuti. Gli effetti della sauna in particolare, prosegue Indolfi:

“hanno dunque un impatto positivo sulla funzione circolatoria: il calore può migliorarla agendo sulle cellule dell’endotelio che rivestono le arterie, riducendone la rigidità, stimolando nella fase acuta il sistema simpatico, infine abbassando la pressione arteriosa. Inoltre, la sauna determina un aumento della frequenza cardiaca fino a 120-150 battiti al minuto, paragonabile a quello ottenuto con un esercizio fisico di intensità bassa o moderata”

Non tutti però possono praticarla: l’esperto avverte che è sconsigliata nei pazienti che presentano un elevato rischio cardiovascolare, ad esempio quelli con scompenso cardiaco, o chi è affetto da ipertensione, ipotensione, infezioni acute, epilessia, miocarditi, pericarditi. Pertanto per una sauna prolungata è sempre necessaria una visita medica preventiva.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!