C’è Posta per Te: il tumore di Giulia e Matteo, Belen Rodriguez e Martin scoppiano a piangere

C'è Posta per Te

Primo appuntamento stagione della trasmissione di Canale 5 ideata da Maria De Filippi

Sabato 12 gennaio è scattato ufficialmente la 22esima stagione di C’è Posta per Te, il people show di Maria De Filippi esportata in ventiquattro paesi in tutto il Mondo. Ricky Martin è stato il primo super ospite internazionale, mentre nei prossimi appuntamenti ci saranno anche Al Bano e Romina Power.

La quarta storia della serata è un regalo che ha visto protagonisti i conduttori di Tu si que vales, Ovvero Belen Rodriguez, Alessio Sakara e Martin Castrogiovanni. (Continua dopo la foto)

C’è Posta per Te: la storia di Giulia e Matteo

La protagonista della quarta storia è stata Giulia che ha voluto fare una sorpresa a Matteo. Entrambi hanno dovuto affrontare un cancro. Giulia ha conosciuto Matteo durante le cure per il linfoma di Hodgkin. Dopo qualche anno anche Matteo si è ammalato dello stesso tipo di malattia che ha avuto Giulia.

Quest’ultima ha voluto chiedere scusa all’uomo per essere stata troppo dura durante il periodo della chemioterapia. Per fortuna entrambi i protagonisti sono guariti dal cancro. Dopo aver ricevuto la busta, Matteo si è presentato in studio. Martin ha iniziato a piangere e si è scambiato fazzoletti con Belen. Maria De Filippi ha letto la lettera di Giulia. Quest’ultima e Matteo sono riusciti a sposarsi.

Successivamente la mittente della busta ha avvertito il marito pregandolo di comportarsi bene con Belen Rodriguez altrimenti avrebbe fatto una piazzata davanti a tutti, ovviamente scherzava. Poi la soubrette argentina ha raccontato una sua esperienza personale, parlando della nonna che era malata di cancro e lei grazie al lavoro in Italia le ha pagato le sedute di chemio. Nonostante le lacrime, Martin Castrogiovanni ha regalato un viaggio di nozze alla coppia. I tre conduttori di Tu sì que vales hanno costretto Matteo a ballare.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!
Calogero Latino: Non c’è niente di speciale nella scrittura. Devi solo sederti davanti alla macchina da scrivere e metterti a sanguinare. (Ernest Hemingway)