Whatsapp news: tre spunte, zero privacy?

Whatsapp: verrà aggiunta la terza spunta?
Whatsapp news: tre spunte, zero privacy?

Whatsapp news: secondo diversi media internazionali, prossimamente sarà possibile determinare se il destinario di un messaggio l’ha effettivamente letto

In principio era due, in futuro saranno tre. Che cosa? Le spunte! Ebbene sì, sembra che la società che gestisce Whatsapp, la famosissima e diffusissima applicazione di messaggistica istantanea, stia lavorando per sviluppare una sistema che garantisca non solo la possibilità di verificare che i messaggi siano stati inviati e ricevuti (cosa già attualmente garantita da due spunte verdi), ma anche se siano stati effettivamente letti dai destinatari.

Whatsapp: un’applicazione dai grandi numeri

Era il 2009 quando  Jan Koum e Brian Acton, ex impiegati di Yahoo, fondarono Whatsapp, applicazione inizialmente sviluppata per iOS, per poi essere diffusa su tutti i principali sistemi operativi per smartphone. Il nome, com’è noto, gioca sul fatto di avere una pronuncia identica all’espressione inglese “What’s up?” (ossia “Come va?”), utilizzando come suffisso “App“, ovvero applicazione. A distanza di 5 anni, con i suoi oltre 600 milioni di utenti attivi mensilmente, continua a dominare sui suoi competitors quali ad esempio Viber e Line, malgrado, nel 2013, sia stato introdotto un seppur irrisorio canone annuo per beneficiare del servizio.

Whatsapp news: a breve anche le chiamate vocali?

La terza spunta, peraltro, potrebbe non essere l’unica novità realizzata in casa Whatsapp: si vocifera, infatti, che a breve verrà data la possibilità agli utenti di effettuare gratuitamente chiamate vocali, il che consentirebbe un buon risparmio e migliorerebbe di gran lunga il servizio. I gestori telefonici dovranno avere di che preoccuparsi? Difficile dirlo, considerato che, ad esempio, contrariamente a quanto si potrebbe pensare, nel 2013 il traffico degli SMS non ha subito una riduzione, bensì un aumento, nonostante nel giugno 2012 fossero stati superati i 27 miliardi di messaggi giornalieri scambiati tramite l’applicazione.

Whatsapp news: continua innovazione, ma anche qualche critica

Frattanto, se in molti accolgono con entusiasmo le continue innovazioni tecnologiche in termini di comunicazione, non mancano i detrattori, considerato che un’eccessiva informazione potrebbe andare a minare non poco la privacy individuale: dobbiamo aspettarci milioni di mittenti di messaggi disperati per non aver ricevuto una risposta? E, soprattutto, è giusto che ogni destinatario si senta sempre più costretto a dover rispondere, non avendo la possibilità di negare di aver letto un messaggio ricevuto? Come al solito, l’opinione pubblica resta divisa, ma con grande probabilità questa nuova miglioria si rivelerà un successo planetario.

 

Altri articoli di tecnologia scelti per voi:

Addio a MSN Messenger: leggete qui

Facebook testa il nuovo tag “[satira]”: leggete qui

The Brownlist: arriva il paladino dei consumatori: leggete qui

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!