Neonata morta in culla con sangue che le colava dal naso: disposta l’autopsia:

Bambini nati senza braccia e gambe

Una bimba di appena 2 mesi è stata trovata priva di vita dai genitori nella sua culla. La tragedia è avvenuta a San Cipirello, in provincia di Palermo. Stando a quanto si apprende, la coppia avrebbe riferito che dal naso della piccola colava del sangue.

La disperata corsa in ospedale

La tragedia familiare si è verificata tra sabato 12 e domenica 13 gennaio. I genitori avvicinandosi alla piccola hanno notato che non respirava. Allarmati, hanno immediatamente chiamato soccorsi. I sanitari ne hanno disposto il trasferimento in elisoccorso al Policlinico di Palermo. All’ospedale purtroppo non è stato possibile praticarle alcun intervento, perché vi è giunta ormai cadavere.

Sulla vicenda indagano i carabinieri che hanno ascoltato i genitori. Stando a quanto si apprende, il pm di turno ha disposto l’autopsia per fare chiarezza sulle cause delle morte e scoprire se la piccola soffrisse di qualche patologia congenita dalla nascita. Non si può neanche escludere che possa essere stata vittima della sindrome della culla, o che si si sia trattato di un incidente.

Sindrome della morte in culla: cos’è

La sindrome della culla o sudden infant death syndrome riguarda i bambini tra un mese e un anno di età. Non trattandosi di ua patologia definita con sintomi precisi, si può parlare di Sids solo quando è possibile escludere tutte le cause note per spiegare il decesso del neonato. Secondo studi americani le cause della Sids potrebbero ricondursi ad anomalie nell’area cerebrale deputata al controllo dei ritmi del sonno e della veglia.

In particolare in caso di questa sindrome, il bambino in apparenza sano, soffrirebbe di una anomalia nel sistema di regolazione dei ritmi cardiaci e respiratori. Bisogna prestare attenzione ad alcuni fattori di rischio. Ecco quali sono: esposizione del feto e del neonato al fumo, nascita prematura o basso peso alla nascita, presenza di infezioni respiratorie.

Altri rischi riguardano invece la posizione del bambino quando dorme: bisogna evitare di far dormire il bambino in posizione prona, ovvero sulla pancia. Da evitare anche materassi, piumini, cuscini soffici e avvolgenti.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!