Amadeus: Festival di Sanremo 2020 nel suo futuro?

Amadeus

Il presente dice “Ora o mai più”, il futuro potrebbe chiamarsi Sanremo. A soli 6 mesi dalla prima edizione, il talent musicale in onda su Rai 1 taglierà nuovamente il nastro. Una frenesia dettata dagli eccellenti ascolti registrati all’esordio sul piccolo schermo. Indovinata la formula: riaccendere i riflettori su cantanti italiani dimenticati dalle case discografiche, con un’importante storia alle spalle.

Forte dello share, Amadeus sarà promosso al prime time del sabato sera. Compito ostico, ma allo stesso tempo entusiasmante, per il conduttore. Che ha ammesso pubblicamente di nutrire una spiccata passione per la musica, grazie alla quale debuttò in radio appena sedicenne. Amore incondizionato che avrebbe il piacere di coronare assumendo il timone del Festival di Sanremo.

Amadeus: destinazione Sanremo?

Nel corso dell’intervista concessa a TV Sorrisi e Canzoni, lo stesso Amadeus confessa il sogno nel cassetto:

“Se la Rai me lo chiedesse non direi mai di no. Amando la musica è una cosa che ogni presentatore amerebbe fare”

Dunque, Amadeus accetterebbe molto volentieri un’eventuale proposta per calcare il palco dell’Ariston nei panni di presentatore. Quantomeno, dovrà però aspettare il 2020. Nella kermesse canora alle porte ci sarà infatti Claudio Baglioni, riconfermato per il secondo anno consecutivo. Ad affiancarlo Claudio Bisio e Virginia Raffaele. Su ciò che accadrà poi i vertici RAI hanno molte opzioni sul tavolo.

Per rafforzare la propria candidatura, ad Amadeus si chiede un’impresa titanica: vincere il confronto diretto con “C’è posta per te” di Maria De Filippi, che ogni settimana riunisce milioni di telespettatori davanti allo schermo. Nella seconda edizione di “Ora o mai più” si contenderanno la vittoria finale otto artisti: Annalisa Minetti, Silvia Salemi, Barbara Cola, Paolo Vallesi, Donatella Milano, Davide De Marinis, Jessica Morlacchi e Michele Pecora.

Amadeus dichiara guerra a Maria De Filippi

Sanremo a parte, Amadeus ammette che la nuova collocazione serale sarà una sfida ostica. Tuttavia, nel mondo dello spettacolo, della musica e dell’imprevedibilità in tali contesti, vale il detto mai dire mai.

“Il mondo dello spettacolo in genere è un mondo dove quasi sempre non sai mai cosa accade domani […] Nel mondo della discografia l’instabilità è anche più accentuata […] A volte il talento non basta, ci vuole anche una buona dose di fortuna”

Mattatore della fascia pre-serale con “I soliti ignoti”, questo per Amadeus è il suo periodo d’oro. E quale miglior modo per suggellarlo che condurre il Festival di Sanremo?

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!