A Ferla va in scena LITHOS

ferla

Oggi e  domani 7 Settembre si rinnova a Ferla, presso la suggestiva scalinata del Convento dei Cappuccini, cavea ideale dell’evento, l’appuntamento con la XIV^ edizione de “Lithos”, rassegna nazionale di musica popolare acustica e contemporanea. Tema prediletto di questa edizione è la “fimmina” in quanto “siamo innamorati delle donne, portiamo dentro i segni indelebili di un desiderio muto e antico e dall’aroma profumato; in maniera svelata e talvolta occulta, sempre appassionata”, così Carlo Muratori, fondatore e da sempre direttore artistico de “Lithos”, racconta l’edizione 2014 a sole ventiquattro ore dall’esordio.

“LITHOS è naturalmente, palesemente fimmina, – continua il cantautore – e io da tempo pensavo di dedicarle questo tributo. Questa rassegna vive e procede miracolosamente per la sua strada, contraddicendo qualsiasi calcolo o previsione logica…poiché si nutre di emozioni e dà voce al sentimento e all’intuizione, così come da sempre dimostra di saper fare la fimmina.”

Grandi artiste della canzone popolare e della musica d’autore regaleranno il loro canto e la loro musicale femminilità al pubblico che ogni anno si riversa nel piccolo paese ibleo in provincia di Siracusa, alla ricerca di suoni originali, lontani dalla banalità e dalla convenzionalità. Sabato 6 toccherà alla “girovaga” Nicoletta Fiorina, che dalla Toscana è approdata da qualche tempo in terra sicula, in cerca di ispirazione, ad aprire l’edizione di quest’anno. Successivamente sarà Rita Botto accompagnata dalla Banda di Avola a dominare il palcoscenico. Al culmine della sua carriera, tra un premio nazionale e un susseguirsi di successi, Rita Botto rappresenta una voce che dalle arie jazz ha compiuto un grande percorso d’amore e di identità, ricalibrandosi dentro il tessuto della più nobile canzone popolare siciliana. “Di Elisa Nocita, la sera di Domenica 7 Settembre, ci piace sottolineare – così la descrive il Direttore artistico della rassegna- il suo continuo studio e il desiderio di conoscere nuove culture e nuovi stili. E’ riuscita in pochissimo tempo ad imparare l’arabo e le tecniche di emissione del fiato di quelle culture nord africane, creando delle contaminazioni originali e che forniscono la cifra delle sue imperdibili performances. Il trio de LAMORI VOSTRI – continua Carlo Muratori – ci condurrà verso stili e forme musicali più continentali, un viaggio nella pizzica tarantata, nei canti romaneschi, partenopei, fino ad arrivare al sud della Calabria e della Sicilia. Questa la compagine artistica, selezionata con una cura, direi femminile, da affiancare a momenti in cui di donne si parlerà, di carriere fra le più varie e travagliate, a delineare un profilo di donna che lavora, si afferma, progetta e lotta al sud e in Sicilia”.

Lithos è anche avanguardia tecnologia con “Lithos live mobile“, ecosostenibilità  con “Dressing Lithos” ed enogastronomia di qualità, “LithoSapori“. Quest’anno la rassegna si rigenera proponendo un inconsueto appuntamento “Vuci di fimmina” Sabato 6 e Domenica 7 al Chiostro del Convento dei Cappuccini di Ferla alle ore 18.30, in cui esponenti femminili della società siciliana, nomi autorevoli più o meno noti al grande pubblico, condivideranno in una conversazione informale il loro essere fimmina nella Sicilia del XXI° secolo.

Nonostante le difficoltà  economiche che attraversiamo abbiamo patrocinato interamente la rassegna con fondi comunali – afferma il Sindaco Michelangelo Giansiracusa – , senza alcuna contribuzione da parte di altri enti, perché crediamo fermamente in questo progetto, che si può realizzare grazie alla preziosa ed infaticabile collaborazione delle associazioni locali. Siamo riusciti a proporre un programma vario e molto interessante. Momento inedito, tutto made in Ferla, sarà, ad esempio, nelle due serate la sfilata di moda a cura delle donne di Ricicreo Ferla denominata “Dressing Lithos, – continua il Sindaco  – una passerella di abiti realizzati dalla rifunzionalizzazione di rifiuti riciclati”. Una serie di stands enogastronomici allestiti da ristoratori locali rappresenterà “LithoSapori” un momento nodale di ristoro e convivialità gioiosa, in una rassegna culturale che accompagnerà gli spettatori dal dibattito sociologico, alla vivaci e intese note di musica popolare, dall’alta tecnologia wireless alle pitture su tela del giovane artista Andrea di Pasquali in mostra presso il Chiostro dei Cappuccini.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!