Stefano Sala: la dura replica dell’ex Dasha sul web

Stefano Sala

Aleggiava nell’aria sin da quando lei si rifiutò di varcare la porta rossa. Ieri è arrivata l’ufficialità: Stefano Sala e Dasha hanno rotto. I cocci lasciati dal Grande Fratello Vip non si sono ricomposti. A comunicarlo l’ex concorrente, che, ospite di Barbara d’Urso, ha spiegato come siano successe molte cose dal suo ingresso nella casa.

Come da lui raccontato, chi ne esce peggio è l’ex compagna, visibilmente contrariata per il ‘tradimento’. Aggirate telecamere e riflettori in queste settimane, proprio la ragazza ucraina prende oggi parola sui social.

La verità di Stefano Sala a Pomeriggio Cinque

Prima però un passo indietro. Nella puntata di “Pomeriggio Cinque”, andata in onda ieri, il 28enne comasco Stefano Sala ha definito bellissima la storia avuto con Dasha Kina. Il vortice di emozioni vissuto al Grande Fratello Vip lo ha però reso un uomo nuovo.

Cruciale per riflettere sulle relazioni fuori. E lasciare Dasha Kina, seppur con tristezza, avendole spezzato il cuore. Consapevolezza confermata di recente, quando l’ha rivista a un matrimonio. Sulla decisione può avere influito l’affinità con Benedetta Mazza, altra concorrente del GF Vip. A ogni modo, Stefano Sala ha voluto far sapere che un’imminente relazione con lei non è possibile, perché non si può chiudere una relazione e iniziarne subito dopo un’altra.

Dasha Kina risponde seccata alle malelingue

A poche ore di distanza, Dasha Kani, provocata sui social, ha commentato la situazione con un post su Instagram:

“Non ho motivo di abbassare la testa, tutto per il meglio”

Una sottile replica a chi le chiedeva di andare avanti, senza rimproverarsi nulla. Tuttavia, qualcun altro l’ha istigata, sostenendo, senza mezzi termini, come abbia mostrato poca dignità. Al che la replica fulminea:

“Credimi, la mia dignità è sufficiente anche per le persone come te”

A Pomeriggio 5 Stefano Sala ha raccontato del loro riprovarci durante le feste natalizie. Fra loro si era però creato un muro, impossibile da abbattere.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!