Nadia Toffa: “Che giornata speciale. Agli haters dico…”

Nadia Toffa

Nadia Toffa cittadina onoraria di Taranto. Per festeggiare coi suoi numerosi fan, la giornalista di origini bresciane ha pubblicato un post su Instagram e Facebook, dandoci una importante lezione.

Nadia Toffa: una giornata speciale

Raggiante come sempre, Nadia Toffa ha pubblicato uno scatto che la immortala nelle sale del Comune pugliese mentre stringe orgogliosa fra le mani l’attestato consegnato dal sindaco Rinaldo Melucci. Nell’immagine caricata sui social, mostra comprensibile orgoglio. A corredo un post.

“Buongiorno amici cari oggi è una giornata speciale per me. Sono diventata cittadina onoraria di Taranto. Città martoriata e che amo e che difenderò sempre, come difenderò sempre tutte le città che in Italia vengono sfruttate e martoriate dall’inquinamento. È una promessa. Vi abbraccio e vi auguro una splendida giornata”

A più riprese Nadia Toffa ha trattato il fenomeno inquinamento provocato dall’ILVA nel Comune di Taranto, visitando il rione Tamburi, il più vicino alla celeberrima acciaieria. Schierata pubblicamente contro i problemi causati dalla fabbrica, è diventata madrina di “Ie jesche pacce pe te (io sono pazzo di te)”, iniziativa di raccolta fondi promossa per tutti i malati oncologici.

Nadia Toffa stessa sta combattendo contro il cancro da oltre un anno. La strada da percorrere affinché guarisca è ancora lunga e irta. Ma, con coraggio, si sta sottoponendo alle sedute di chemioterapia, dopo aver scoperto lo scorso marzo che il tumore le era tornato. Un simbolo per chi si trova nelle medesime condizioni.

Nadia Toffa: sorriso intramontabile

Loading...

Poi, chiaro, gli haters convinti che Nadia Toffa spettacolarizzi la sua malattia rimangono, dimenticando quanto il suo esempio possa ispirare. Invidiabile la flemma con cui Nadia Toffa risponde alle critiche:

“Magari fosse finzione è invece solo una cruda e terribile realtà. A chi dice che faccio pubblicità alla chemioterapia rispondo “sì, e la faccio anche col sorriso dato che grazie alla scienza è l’unica cura che abbiamo insieme alla radioterapia per sconfiggere il cancro.[…] A chi mi vuole morta invece dico che c’è qualcuno molto più in alto di noi che decide per noi; e io rispetterò il Suo disegno per me, come chiunque altro. Viva la vita sempre!”