Isola dei Famosi 2019: una lite furiosa ancor prima di partire per l’Honduras

Quei bravi ragazzi

Una lite furiosa tra gli aspiranti naufraghi ancor prima di partire. Ad un passo dalla finale, prevista per domani venerdì 17 gennaio, al campo base arriva un tempesta. Gli aspiranti isolani, infatti, sono chiamati per la prima volta a fare le nomination palesi. Vien da sé che ne nasce una discussione, che va avanti in parte anche durante la notte.

A litigare, in particolare, Salvo e Giorgia. Il primo, infatti, accusa la collega di falsità e le recrimina di aver fatto “comunella” con Alice per la scelta delle nomination. A scagliarsi contro Alice arriva anche Lucia, che si dice infastidita dal suo atteggiamento un po’ snob, affermando che la ragazza se ne sta troppo sulle sue.

Nessuna tregua

Una lite furiosa che non trova tregua per gli aspiranti naufraghi dell’Isola dei Famosi. Insomma, sembra proprio che gli aspiranti naufraghi siano destinati a concludere in lite la loro esperienza nella giungla maremmana.

Intanto, Chiara, ovvero la concorrente più discussa di questa edizione in virtù dei suoi “pendagli” e dei suoi “riti magici”, è intorno al fuoco che intona canti propiziatori per il suo approdo in Honduras. Funzioneranno? Vi ricordiamo che solo uno dei concorrenti “non vip”, infatti, diventerà un naufrago a tutti gli effetti dell’Isola dei Famosi vera e propria, e a sceglierlo ci pensa il pubblico.

I concorrenti ‘glamour’ e ‘spirituali’

Al di là di una lite furiose tra gli aspiranti naufraghi NIP, ecco due concorrenti Vip pronti a raggiungere Cayo Cochinos.

Loading...

Si tratta di Jo Squillo e Paolo Brosio. I loro nomi sono stati ufficializzati via social e quindi la notizia è ufficiale. Come noto, con loro nel reality di Canale 5 (in partenza giovedì 24 gennaio) ci sarà anche Marina La Rosa. Con Jo Squillo “le spiagge di Cayos Cochinos saranno più glamour”, si legge nel post ufficiale dell’Isola dei Famosi 2019. Paolo Brosio torna in Honduras, invece, “per affrontare un’esperienza di riflessioni interiori”.