Gerry Scotti ‘coinvolto’ in una truffa sulla beneficenza: ecco cosa è successo

Il conduttore di Chi vuol essere milionario? coinvolto in una truffa 

Ieri sera su Canale 5 è andato in onda una nuova puntata di Striscia la notizia. Nel tg satirico di Antonio Ricci e condotto da Ficarra e Picone, è stato trasmesso un servizio che riguarda Gerry Scotti, il noto conduttore di Canale 5.

A quanto pare quest’ultimo, in modo indiretto, è stato coinvolto in una truffa sulla onlus ‘La fabbrica del sorriso’. Ricordiamo che quest’ultima è un’iniziativa benefica di Mediaset che ogni hanno grazie alle donazioni raccoglie dei soldi che poi vengono usati per la ricerca. Ma andiamo a vedere cosa è successo. (Continua dopo la foto) 

Gerry Scotti è Valerio Staffelli

Gerry Scotti e la truffa utilizzando il suo nome

Nel servizio di Striscia la notizia trasmesso ieri sera su Canale 5 si vede il truffatore avvicinare le vittime e presentarsi come volontario di Gerry Scotti e della Fabbrica del Sorriso, per aiutare donne che hanno avuto maltrattamenti, abusi e stupri. L’uomo, inoltre, ha precisato questo:

“Cerchiamo di dare dignità con pasti caldi”.

Successivamente chiede 20 euro per aiutare due madri e offre in cambio una cartolina. A quel punto è intervenuto Valerio Staffelli, poco distante dall’ingresso di un teatro milanese, quindi il truffatore ha provato in tutti i modi di scappare dalle telecamere negando di aver usato il nome di Gerry Scotti:

“Abbiamo registrato, non si può spacciare per la raccolta di Gerry Scotti”,

ha detto lo storico inviato di Striscia che lo ha inseguito e lo rimproverato:

“Fregate la gente, non si fa”,

ha gridato colui che consegna i tapiro d’oro. A quel punto il finto volontario si è fatto violento e ha insulta Staffelli.

Gerry Scotti intervene a Striscia la notizia

Nel servizio in questione trasmesso a Striscia la notizia è intervenuto anche Gerry Scotti, che ha precisato questo:

“La Fabbrica del Sorriso non ha volontari nelle piazze d’Italia. Quando ne troverete qualcuno fuori dall’ospedale, dal teatro, dalla stazione, dal cinema, dalla metropolitana, saranno dei furfanti come quello che si vede nel servizio. Non esitate, andate subito a denunciare”.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!